Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Tempo di collaborazione

· Incontro fra il segretario generale del Wcc e il Patriarca di Mosca ·

L’analisi della difficile situazione internazionale, in particolare nel Vicino oriente e nell’Europa dell’est, insieme alla sottolineatura dell’importante ruolo che i cristiani e le organizzazioni ecumeniche possono giocare per contribuire a realizzare una nuova stagione di pace e giustizia: questi i principali argomenti al centro dei colloqui che il segretario generale del World Council of Churches (Wcc), Olav Fykse Tveit, ha avuto nei giorni scorsi a Mosca con il Patriarca Cirillo e con il metropolita Hilarion, presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato. Secondo il comunicato diffuso dal Wcc, durante l’incontro è stata espressa una valutazione comune della situazione e delle sofferenze delle persone coinvolte nei conflitti. E, soprattutto, con riferimento alla crisi ucraina, sono state discusse le conseguenze negative sulle relazioni tra Est e Ovest dell’Europa e su come i rapporti tra le Chiese potrebbero essere rafforzati.

«È incoraggiante — ha commentato il leader ecumenico al termine dell’incontro — che si rafforzi il ruolo del Wcc nel lavoro per la giustizia e la pace. Credo che questo sia il tempo di incontrarsi e di parlare di più, non di meno, insieme come Chiese. Le Chiese dovrebbero rafforzare le loro relazioni in tempo di conflitto».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE