Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Teheran e Riad riprendono
i rapporti diplomatici

· ​Gli ambasciatori tornano nelle capitali ·

  Prossima ripresa di rapporti diplomatici tra Iran e Arabia Saudita, premessa per una possibile diminuzione della tensione tra le due maggiori realtà l’una sciita e l’altra sunnita nella regione mediorientale.

Il ministro degli esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, ha annunciato ieri che dopo la fine dell’Hajj (il pellegrinaggio islamico alla Mecca e a Medina), gli ambasciatori di Iran e Arabia Saudita torneranno a rappresentare le proprie nazioni nei due paesi. L’annuncio pone fine a venti mesi di altissima tensione tra le due capitali mediorientali che hanno ancora tantissime divergenze e questioni in sospeso. Zarif ha annunciato la ripresa dei rapporti con i sauditi nel corso dell’intervista all’agenzia studentesca iraniana Isna. «L’Iran ha sempre ricercato buone relazioni coi propri vicini, anche se crediamo che le politiche saudite nella regione siano dannose. Se l’Arabia Saudita cambierà, vedrà la reazione positiva di Teheran» ha detto Zarif. «Siamo in attesa di completare gli ultimi passi utili a permettere che i diplomatici dei due paesi possano recarsi nelle rispettive ambasciate e consolati» ha aggiunto.

I punti di tensione tra i due colossi vanno dalla Siria allo Yemen, dal Bahrein alla situazione interna all’Arabia Saudita. A scatenare le polemiche tra Teheran e Riad fu anche l’impiccagione, nel gennaio 2016, del leader degli sciiti, l’ayatollah Nimr Al Nimr, colpevole di avere criticato la monarchia di Riad. Con la salita al trono saudita del trentunenne Mohammed bin Salman, sembra che alcuni spiragli si possano aprire.

Intanto, ieri il Qatar ha annunciato la ripresa di pieni rapporti diplomatici con l’Iran. Una decisione che va legata — dicono gli analisti — alla crisi diplomatica in corso con i paesi del golfo (Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Bahrein ed Egitto). Questi ultimi hanno accusato Doha di sostenere il terrorismo e gli hanno chiesto di sospendere i rapporti con Teheran. Il ministero degli Esteri di Doha ha invece annunciato che l’ambasciatore del Qatar tornerà presto a Teheran. È dall’inizio del 2016 che il Qatar non ha un proprio ambasciatore a Teheran, dopo averlo ritirato in segno di solidarietà a Riad per gli attacchi subiti da due sedi diplomatiche saudite in Iran dopo l’esecuzione di Nimr Al Nimr.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE