Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Tappa gloriosa
di una storia comune

· ​Il mondo ortodosso riconosce la Santa Casa di Loreto ·

Santa Casa, Monteroberto, Chiesa di San Silvestro

Una giornata storica, una «tappa gloriosa» che unisce il mondo latino cattolico con quello orientale bizantino, e che segna un ulteriore «arricchimento reciproco dei valori spirituali e culturali»: nelle parole dei partecipanti c’è tutta l’importanza dell’evento in programma domani 5 marzo a Loreto, in provincia di Ancona, dove, in occasione del 700° anniversario della fondazione della basilica pontificia, autorità ortodosse delle Chiese di Albania, Georgia, Grecia, Romania, Russia e Serbia si riuniranno in preghiera presso la Santa Casa insieme alla delegazione pontificia e ai rappresentanti della Sacra arcidiocesi ortodossa d’Italia e Malta. L’evento segna il riconoscimento ufficiale della più antica reliquia mariana da parte del mondo ortodosso a seguito degli studi condotti da padre Giuseppe Santarelli, direttore della Congregazione universale della Santa Casa di Loreto, e dal ricercatore storico greco Haris Koudounas, dell’Accademia angelico costantiniana di Roma.

Secondo quanto afferma un comunicato diffuso da quest’ultima, organizzatrice dell’evento, sarebbe ora definitivamente accertato che la casa abitata dalla famiglia della Vergine Maria a Nazaret, dove venne annunciata la nascita miracolosa di Gesù, fu traslata nel 1294 a Loreto dalla famiglia degli Angelo-Comneno Ducas, imperatori di Bisanzio e successivamente despoti di Epiro e Tessaglia. Prima di giungere nelle Marche, la Santa Casa fu custodita dal despota Giovanni Angelo-Comneno, a Pili, in Tessaglia, presso la basilica Porta Panagia, eretta a questo scopo e tuttora esistente.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 febbraio 2019

NOTIZIE CORRELATE