Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.


​Suor Dorothy uccisa undici anni fa in Brasile

Numerose famiglie di agricoltori di Anapu, nel sud del Pará in Brasile, si sono incontrate per ricordare l’assassinio di suor Dorothy Stang, avvenuto undici anni fa. La religiosa settantatreenne era nota per il suo coraggio e la sua disponibilità; amica fedele e vicina ai problemi della popolazione locale, nata negli Stati Uniti e naturalizzata brasiliana, faceva parte della Congregazione di Notre Dame. Suor Dorothy era impegnata da più di vent’anni nella Commissione Pastorale della Terra (Cpt), accompagnando con fermezza e passione la vita dei lavoratori dei campi, specie nella regione transamazzonica dello Stato del Parà. A causa della sua denuncia dell’azione violenta dei fazendeiros e grileiros, sin dal 1999 aveva ricevuto numerose minacce di morte fino a quando venne uccisa, con sei colpi sparati a bruciapelo in una località a quaranta chilometri dal comune di Anapu. Negli incontri e nelle celebrazioni per l’anniversario, durate una settimana, si è parlato anche degli ultimi crimini avvenuti in questo inizio anno a Eldorado do Carajás: alla base, esattamente gli stessi motivi che portarono all’assassinio di suor Dorothy. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

10 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE