Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Sulla strada
per riconoscersi fratelli

· Oltre centomila fedeli al pellegrinaggio presso il santuario della Vergine di Luján in Argentina ·

Oltre centomila persone, per lo più giovani, hanno preso parte sabato scorso al tradizionale pellegrinaggio a piedi alla Vergine di Luján, patrona di Argentina, Cile, Uruguay e Paraguay. 

Con il tema “Maria ci aiuti a lavorare per la pace”, il pellegrinaggio, che si svolge ogni anno nel primo fine settimana di ottobre, è giunto alla quarantesima edizione. Assistiti da migliaia di volontari, dislocati in numerose diverse postazioni sanitarie lungo il percorso, i pellegrini, dopo aver ricevuto la benedizione del vescovo ausiliare di Buenos Aires, monsignor Eduardo Horacio García, sono partiti dal santuario di san Cayetano, nel quartiere porteño di Liniers e hanno camminato per oltre sessanta chilometri fino a raggiungere la cittadina di Luján, dove sorge appunto uno dei santuari più venerati dell’America Latina.

Cominciato a metà degli anni Settanta, alla vigilia dell’ultima dittatura militare (1976-83), il pellegrinaggio ha assunto anche il valore di tacita forma di protesta popolare contro il regime di terrore che vigeva allora in Argentina; poi è proseguito durante la democrazia, come grande manifestazione di preghiera collettiva e segno della profonda religiosità di un intero popolo.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

12 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE