Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Sul pane e il vino
per l’eucaristia

· Lettera circolare della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti ·

Graham Pigott, «Pane e vino»

In una lettera indirizzata inviata dalla Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti si ricorda ai vescovi diocesani che ad essi, primi dispensatori dei misteri di Dio, moderatori, promotori e custodi della vita liturgica nella Chiesa, compete di vigilare sulla qualità del pane e del vino destinati all’Eucaristia e, quindi, su coloro che li preparano. A tale scopo, nel documento, firmato dal cardinale prefetto Robert Sarah e dall'arcivescovo segretario Artur Roche, vengono disposizioni esistenti e si suggeriscono alcune indicazioni pratiche resesi necessarie dalle mutate modalità nel confezionamento del pane e del vino per la messa che finora erano stati in genere preparati e distribuiti da alcune comunità religiose e che oggi sono reperibili anche nei supermercati, in altri negozi e tramite internet. .

Le norme circa la materia eucaristica, indicate nel can. 924 del CIC e ai numeri 319-323 dell’Institutio generalis Missalis Romani, sono già state spiegate nell’Istruzione Redemptionis Sacramentum di questa Congregazione (25 marzo 2004). Nella lettera si mette in evidenza, tra l'altro, che, vista la complessità di situazioni e circostanze, come il venir meno del rispetto per l’ambito del sacro, si avverte la necessità pratica che, per incarico dell’Autorità competente, vi sia chi effettivamente garantisca la genuinità della materia eucaristica da parte dei produttori come della sua conveniente distribuzione e vendita. Si suggerisce, ad esempio, che una Conferenza episcopale possa incaricare una o più congregazioni religiose oppure altro ente in grado, di compiere le necessarie verifiche sulla produzione, conservazione e vendita del pane e del vino per l’Eucaristia in un dato Paese e in altri Paesi in cui vengano esportati. Si raccomanda anche che il pane e il vino destinati all’Eucaristia abbiano un conveniente trattamento nei luoghi di vendita.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 dicembre 2018

NOTIZIE CORRELATE