Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Sul clima
occorre fare di più

· ​Allarme dell’agenzia dell’Onu per l’ambiente ·

Ciminiere nella città di Grevenbroich, nell’est della Germania (Ap)

Il mondo deve incrementare da subito gli impegni a ridurre le emissioni inquinanti — in particolare i gas-serra responsabili dei mutamenti climatici globali — presi un anno fa in conclusione della Cop 21, la conferenza internazionale di Parigi. Solo così sarà possibile evitare un’autentica «tragedia umana»: è l’allarme lanciato da Erik Solheim, direttore esecutivo dell’Unep, il programma delle Nazioni Unite per l’ambiente, alla vigilia dell’effettiva entrata in vigore del trattato di Parigi firmato nel 2015, e a poche ore dall’inaugurazione della Cop 22, la nuova conferenza sul clima in programma a Marrakesh, in Marocco, da lunedì prossimo fino al 18 novembre, che dovrà chiarire come passare dalle dichiarazioni di intenti alle azioni concrete. Se non si cambia marcia da subito, puntualizza lo studio dell’Unep, il mondo viaggerà verso un aumento della temperatura compreso tra 2,9 e 3,4 gradi. Per evitarlo, i 195 paesi aderenti all’accordo di Parigi dovrebbero cercare di ridurre attivamente le emissioni di gas a effetto serra di un ulteriore 25 per cento entro il 2030.

Il 5 ottobre scorso, grazie a quelle dell’Unione europea nel suo complesso e di alcuni paesi membri tra cui Germania e Francia, è stato raggiunto il numero totale di ratifiche depositate previsto per l’entrata in vigore dell’accordo parigino, vale a dire 55, per di più a loro volta corrispondenti ad almeno il 55 per cento delle emissioni complessive di gas-serra a livello planetario. A sorpresa, il 3 settembre scorso avevano già provveduto alla ratifica due delle maggiori potenze inquinanti come Cina e Stati Uniti, cui il 2 ottobre si è poi aggiunta l’India. Da oggi, il trattato medesimo diverrà, dunque, operativo a tutti gli effetti. Per lo meno sulla carta.  

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE