Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Sui raid russi in Siria
confronto e tensioni

· L’aviazione di Mosca accusata di aver preso a bersaglio le basi dei ribelli e non quelle dell’Is ·

L’intervento armato russo nella crisi siriana resta al centro del confronto internazionale, in particolare — ma non solo — tra lo stesso Governo di Mosca e l’Amministrazione di Washington. Colloqui in videoconferenza sono stati già avviati tra i responsabili delle operazioni militari nell’area per scongiurare incidenti con le forze della coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti che opera a sua volta in territorio siriano, oltre che in Iraq.

Un ragazzo porta del pane tra le macerie provocate dai bombardamenti (Reuters)

Tuttavia, dopo i primi raid dell’aviazione di Mosca la tensione è salita. Secondo Washington, infatti, gli attacchi russi non avrebbero avuto per bersaglio il cosiddetto Stato islamico (Is), ma le forze ribelli siriane insorte contro il presidente Bashar Al Assad, sostenute dalla coalizione e in parte addestrate proprio dagli Stati Uniti. Il portavoce della Casa Bianca, Josh Earnest, ha dichiarato che «le operazioni militari della Russia viste fino a ora sollevano alcune preoccupazioni in quanto la Russia sta prendendo di mira zone dove sono presenti poche se non nessuna delle forze che operano per l’Is». Il Governo russo ha smentito, sostenendo che gli attacchi hanno colpito l’Is e altre formazioni jihadiste. Postazioni dell’Is sono state sicuramente bersaglio dei nuovi raid sferrati questa notte dai cacciabombardieri russi. L’attacco, confermato anche da fonti dell’opposizione siriana, è avvenuto a Qaryatain, nel nord-est, dove lo scorso 21 agosto l’Is distrusse l’antico monastero di Mar Elian. Nelle ultime ore, fonti del Pentagono, citate anonimamente, ma definite ufficiali dalle agenzie di stampa internazionali, avevano riferito che si sta valutando se gli Stati Uniti debbano usare la forza militare per proteggere i ribelli. Le agenzie aggiungono comunque che il segretario alla Difesa americano, Ash Carter, ha rifiutato di parlare di questa opzione.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 novembre 2018

NOTIZIE CORRELATE