Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Strumento
di comunione ecclesiale

· ​In Vaticano una delegazione della Leadership Conference of Women Religious ale ·

Un incontro con Papa Francesco ha posto il sigillo a un difficile percorso di ripensamento del proprio ruolo nella Chiesa che negli ultimi anni ha visto come protagonista la presidenza della Conferenza delle superiore religiose degli Stati Uniti d’America (Lcwr).

Giovedì 16 aprile il Pontefice ha ricevuto in udienza una delegazione della Leadership Conference of Women Religious giunta in Vaticano per incontrare la Congregazione per la dottrina della fede e i vescovi statunitensi che erano stati delegati dalla Santa Sede — dopo una serie di controversie su questioni etiche e morali — per la valutazione dottrinale e il rinnovamento dell’organizzazione delle suore. Tutti i partecipanti hanno sottolineato il clima di grande collaborazione che ha contrassegnato un periodo tanto delicato ma che ha portato, si rileva, frutti importanti e duraturi.

«Alla conclusione di questo procedimento — ha commentato il cardinale prefetto Gerhard Müller — la Congregazione per la dottrina della fede confida che la Lcwr abbia chiarito la propria missione al servizio degli istituti membri, incoraggiando una visione della vita religiosa che è centrata sulla persona di Gesù Cristo ed è radicata nella tradizione della Chiesa. È questa visione che rende le religiose e i religiosi veri testimoni del Vangelo».

Dal canto suo la presidente dell’Lcwr, suor Sharon Holland, che non ha potuto partecipare all’incontro, ha dichiarato: «Siamo soddisfatti al completamento di questa lunga e impegnativa discussione sulle nostre idee e prospettive riguardo temi fondamentali per la vita religiosa e la sua pratica. Attraverso questi confronti, condotti sempre in uno spirito di preghiera e di mutuo rispetto, siamo stati tutti condotti a più profonde comprensioni delle reciproche esperienze, ruoli, responsabilità e speranze per la Chiesa e per il popolo che essa serve. Abbiamo compreso — ha concluso — che ciò che abbiamo in comune è molto di più delle differenze».

Tutto ciò è confermato anche dalla dichiarazione congiunta finale presentata, a conclusione di un itinerario triennale, dai vescovi statunitensi delegati e dalle rappresentanti dell’Lcwr (all’incontro erano presenti suor Marcia Allen, suor Janet Mock, suor Joan Marie Steadman e suor Carol Zinn). 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE