Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Strategia della ferocia

· Quasi cento morti in un duplice attentato durante una manifestazione per la pace ad Ankara ·

Investiti dalle deflagrazioni i partecipanti a una manifestazione per la pace

Sale di ora in ora il numero delle persone uccise e ferite, oggi, da due violente esplosioni davanti alla principale stazione ferroviaria della capitale turca Ankara. L’ultimo bilancio parla di quasi cento morti. L’attentato ha colpito la folla che si stava radunando per partecipare a una manifestazione per la pace, volta a chiedere la fine degli attacchi governativi contro gli indipendentisti curdi del Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk).Il presidente Recep Tayyip Erdoğan, leader del maggioritario Partito per la giustizia e lo sviluppo (Akp), ha parlato di «attentato all’unità del Paese: siamo contro ogni forma di terrorismo». Il presidente ha quindi invocato «solidarietà e determinazione come la risposta più giusta al terrorismo». L’Alto rappresentante Ue per la politica estera e di sicurezza comune, Federica Mogherini, ha esortato Ankara a «restare unita contro la minaccia del terrorismo». Poco dopo le esplosioni, l’agenzia di stampa Firat ha riferito che il Pkk ha ordinato ai suoi gruppi di miliziani di cessare, se non attaccati, le attività contro le forze di sicurezza turche.

Organi di stampa attribuiscono la strage ad attentatori suicidi. Di questa opinione si è detto anche Kemal Kılıçdaroğlu, leader della principale formazione d’opposizione, il Partito popolare repubblicano, mentre il primo ministro, Ahmet Davutoğlu, convocava una riunione d’emergenza sulla sicurezza.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

13 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE