Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Strada facendo

«Camminiamo insieme per costruire l’unità strada facendo, con il passo scandito dall’esperienza focolarina»: settecento cristiani di settanta denominazioni, provenienti da cinquanta paesi, hanno incontrato, nel crocevia di piazza San Pietro, Papa Francesco che oggi aveva «il cuore a Luján», come ha confidato egli stesso a braccio ricordando la festa della patrona degli argentini. Ha avuto così un’impronta fortemente ecumenica l’udienza di mercoledì 10 maggio.

E con un abbraccio fraterno il Pontefice ha accolto Gennadios Zervos, metropolita d’Italia e Malta del patriarcato ecumenico, protagonista della settimana che sia sta svolgendo dal 9 al 13 maggio, al centro Mariapoli di Castel Gandolfo. «Stiamo mettendo insieme le nostre esperienze nella ricerca dell’unità col metodo del dialogo» hanno spiegato i partecipanti.

Sempre nella prospettiva ecumenica, significativa la presenza, per la seconda volta, di una delegazione di quindici giovani sacerdoti del patriarcato di Mosca. Sono a Roma dal 6 al 13 maggio per una visita di studio che consenta loro di conoscere «dal di dentro» la Chiesa cattolica. L’iniziativa, promossa dal Pontificio consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani, prevede anche la visita di un gruppo di sacerdoti cattolici a Mosca. Significative anche le presenze del vescovo pentecostale Mendez e del vescovo anglicano irlandese Colton che è a Roma per il colloquio annuale con i canonisti cattolici.

Con affetto il Pontefice ha accolto trenta preti, una suora e due laici cattolici cinesi che stanno partecipando a Lovanio a un corso di formazione. Sono a Roma dal 7 al 13 maggio e avranno anche l’opportunità di incontrare il cardinale Fernando Filoni, prefetto della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli.

Tra Egitto e Israele, l’udienza è stata poi anche un’opportunità per rilanciare il dialogo interreligioso. Con ancora vive nel cuore le positive impressioni del recente viaggio al Cairo, il Pontefice ha ricevuto il ringraziamento della comunità egiziana residente in Italia: una medaglia commemorativa coniata da Yhia Abd El Kalik. Mentre l’artista israeliano Avner Moriah ha presentato a Francesco il suo libro Illuminated book of Exodus. Ha già illustrato la Genesi e conta di completare il lavoro con Levitico, Numeri e Deuteronomio.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE