Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Storia di una spietata chirurgia demografica

· Esodi e deportazioni in Europa 1853-1953 ·

I cento anni che vanno dalla guerra di Crimea (1853), alla morte di Stalin (1953) sono stati segnati dallo spostamento coatto di intere popolazioni, per un totale di circa trenta milioni di persone. Probabilmente si è trattato del maggiore esodo non volontario della storia. Ad analizzarlo, spiegandone motivi e modalità, sono Antonio Ferrara e Niccolò Pianciola nel volume L’età delle migrazioni forzate. Esodi e deportazioni in Europa 1853-1953 (Bologna, il Mulino, 2012, pagine 501, euro 29). L’area interessata da tali migrazioni coincise con quella che viene definita l’“Europa di mezzo”, divisa fino alla prima guerra mondiale fra gli imperi zarista, tedesco, asburgico e ottomano. E, pur partendo dalla seconda parte dell’Ottocento, il fenomeno si concentrò soprattutto nella prima metà del Novecento.

Si trattò di operazioni mirate, dunque, pianificate e portate a termine con estrema precisione, che, tra la guerra di Crimea e le guerre balcaniche (1853-1913), coinvolsero circa un milione e duecentomila persone, cui si aggiunsero durante il primo conflitto mondiale e negli anni immediatamente successivi, fino al 1923, altri sette milioni e trecentomila individui. Nel periodo tra le due guerre il regime sovietico fu l’unico ad attuare politiche di migrazione forzata che condussero alla deportazione di due milioni e seicentomila persone. Numeri già consistenti, che però raggiunsero il picco negli anni seguenti, immediatamente prima e durante il secondo conflitto mondiale, interessando in Europa circa venti milioni di uomini, donne e bambini, vittime dei progetti nazisti e sovietici, nonché degli scambi di popolazione tra gli stati satellite della Germania e delle vendette contro le popolazioni tedesche al termine della guerra.

Per precisa scelta, vista anche la mole di letteratura già esistente, lo studio non prende in esame le deportazioni dirette verso i sistemi concentrazionari sovietico e nazista, né quelle volte a rastrellare manodopera per lo sforzo bellico. L’attenzione è invece rivolta «agli spostamenti forzati di popolazione che avevano come obiettivo la rimozione di una o più categorie di popolazione, identificate secondo criteri sociali (appartenenza a un ceto o a una classe) o culturali (lingua, religione)» e che «possono essere considerati episodi di vera e propria chirurgia demografica».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

27 gennaio 2020

NOTIZIE CORRELATE