Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Staffetta di misericordia

· ​Nella messa di apertura della giornata mondiale della gioventù la preghiera per le vittime del terrorismo ·

«Preghiamo per tutte le vittime degli attentati terroristici negli ultimi tempi, e in modo particolare per il sacerdote ucciso oggi, ucciso in Francia proprio nel momento in cui celebrava la santa messa». A queste parole del cardinale Stanisław Dziwisz, arcivescovo di Cracovia, tra i cinquecentomila giovani riuniti martedì 26 luglio nel parco di Błonia, sulle rive della Vistola, per la cerimonia inaugurale della trentunesima giornata mondiale della gioventù, il silenzio e la commozione hanno immediatamente preso il posto della coinvolgente festosità. Guardando idealmente uno per uno quei volti bagnati dalle lacrime e dalla pioggia — li ha salutati in varie lingue dando loro il benvenuto in città — il porporato ha provato a raccogliere i sentimenti di tutti indirizzandoli verso un atteggiamento comune: «Avete in voi molti desideri, parlate molte lingue, ma da oggi tutti useremo tra di noi il linguaggio del Vangelo. Il linguaggio dell’amore. Il linguaggio della fraternità, della solidarietà e della pace».

La preghiera comune è stata la risposta del popolo dei giovani alla barbara uccisione a Rouen di don Jacques Hamel e alla semina di odio e di morte che in questi giorni sta colpendo l’Europa, ma che da tempo non sembra avere confini: «Ci sono tra noi — ha ricordato il cardinale Dziwisz nell’omelia — anche ragazzi di Paesi in cui la gente soffre a causa di conflitti e di guerre, in cui i bambini muoiono di fame, in cui i cristiani sono crudelmente perseguitati. Ci sono tra noi ragazzi provenienti da regioni del mondo dove ci sono violenze e cieco terrorismo». Per tutti un messaggio di speranza: «Tutto possiamo in colui che ci da forza. Possiamo far fronte alle sfide del mondo di oggi, in cui l’uomo fa le sue scelte tra fede e miscredenza, fra il bene e il male, fra l’amore e il suo contrario». Si può farlo, ha aggiunto, portando «la scintilla della misericordia».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE