Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Calma a Gerusalemme est

· Dopo settimane di tensione sulla spianata delle moschee ·

Una ragazza palestinese a Gerusalemme (Ansa)

Dopo settimane di tensioni, sembra tornare la calma a Gerusalemme est. L’alleggerimento dei controlli da parte della polizia israeliana negli ingressi alla spianata delle moschee è una diretta conseguenza dell’accordo raggiunto ieri ad Amman dal segretario di Stato americano, John Kerry, dal re di Giordania Abdallah e dal premier israeliano Benjamin Netanyahu. Il capo della diplomazia americana ha poi riferito che il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, ha confermato «il suo impegno alla non violenza e al ripristino della calma». Tra i passi pratici delineati dall’intesa di Amman non c’è stata solo la cancellazione delle restrizioni di età per l’ingresso alla spianata delle moschee, uno dei tre luoghi più sacri dell’islam, ma anche la rimozione dei due checkpoint, all’ingresso e all’uscita nel quartiere arabo di Issawyia, sempre a Gerusalemme est. Un altro effetto tangibile dell’intesa di Amman è stato il ritorno in Israele dell’ambasciatore giordano, ritirato poche settimane fa per protestare contro l’alterazione dello status quo sulla spianata delle moschee. Tuttavia, se la situazione resta sotto controllo a Gerusalemme, lo stesso non accade altrove: dozzine di giovani palestinesi hanno protestato nei pressi della barriera di separazione a Qalandiya, tra Israele e la Cisgiordania.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE