Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Spiragli di dialogo
sui migranti

· Accordo europeo per la riforma dell’operazione Triton ma l’Italia continua a essere isolata ·

Migranti soccorsi dalla Croce rossa italiana al largo delle coste libiche (Epa)

L’Europa raggiunge un accordo per la modifica dell’operazione Triton nel Mediterraneo, uno dei punti più controversi nella gestione dell’emergenza immigrazione. Nel vertice tenutosi ieri a Varsavia a livello di ministri degli interni è stato stabilito che tutti i paesi membri dovranno impegnarsi attivamente nei soccorsi, condividendo le responsabilità. Ciò nonostante, i porti del resto d’Europa restano chiusi e l’Italia è ancora in prima linea. Per una volta, dunque, l’Europa cerca l’intesa in un momento critico come questo, quando gli sbarchi si susseguono senza sosta. Il direttore di Frontex, Fabrice Leggeri, cui Triton fa riferimento, ha spiegato che «sarà stabilito senza ritardi un gruppo di lavoro per identificare ulteriormente ed elaborare cosa deve essere rivisto nel concetto operativo di Triton alla luce delle decisioni già raggiunte a livello politico» nel recente summit di Tallinn sul piano della Commissione. «Tutti i partecipanti hanno riconosciuto che l’Italia sta affrontando una pressione straordinaria e ha bisogno di un sostegno aggiuntivo da Ue e Frontex» si legge nella nota conclusiva del vertice di Varsavia. L’Italia «ha indicato che in caso di flussi massicci di migranti vorrebbe poterli sbarcare nei porti di altri paesi». Il gruppo di lavoro dovrà «ulteriormente valutare la situazione dopo la riunione di oggi e mettere a punto un nuovo piano operativo. Successivamente, gli stati partecipanti saranno consultati». Soddisfatto il Viminale che aveva chiesto con urgenza l’incontro di Varsavia e oggi parla di «un altro passo avanti». Il ministro dell’interno italiano, Marco Minniti, nei giorni scorsi aveva sottolineato l’urgenza di risultati concreti, chiedendo la condivisione delle responsabilità e quindi l’apertura di altri porti dove far arrivare i migranti. Si va, osservano al Viminale, verso la rinegoziazione dell’operazione Triton, «così come avevamo auspicato». L’Italia ha ottenuto in particolare il sostegno del ministro greco per le migrazioni, Ioannis Mouzalas, secondo cui le richieste «sono giuste». 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE