Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Speranza per la Siria

· Iniziano oggi a Ginevra i colloqui tra Governo e ribelli ·

Prendono avvio questo pomeriggio a Ginevra i colloqui per arrivare a una tregua stabile in Siria. Dopo una prima fase, i negoziati dovrebbero entrare nel vivo il 14 marzo, con la presenza delle delegazioni ufficiali del Governo e dei ribelli. «Siamo pronti a ricevere oggi tutti i partecipanti e a condurre riunioni preparatorie prima delle discussioni effettive» ha riferito il portavoce dell’inviato speciale dell’Onu in Libia, Staffan de Mistura. 

Padre e figli tra le macerie a Ghouta (Ap)

I colloqui comunque, ha aggiunto il portavoce, si presentano anche «molto impegnativi sul piano logistico». Sull’incontro è intervenuta ieri anche l’l’Alto rappresentante dell’Ue per la politica estera e di sicurezza comune, Federica Mogherini. «Il lavoro diplomatico dopo cinque anni ha aperto una piccola finestra di fiducia per la fine della guerra» ha detto. Tuttavia, «dobbiamo essere consapevoli che un’escalation può ripartire in ogni momento e c’è il rischio che la situazione possa degenerare se non dimostriamo di essere coerenti» ha avvertito Mogherini. L’Onu e le organizzazioni umanitarie stimano che oltre sei milioni di persone siano sfollate; 4,7 milioni quelle che invece sono fuggite nei Paesi confinanti e in Europa. Si stima poi che i morti siano compresi tra i 250.000 e i 400.000.

E sempre sul piano umanitario, l’ultimo allarme per il degenerare della situazione in Siria è giunto oggi dall’organizzazione internazionale Save the Children, secondo cui sono almeno 250.000 i bambini che vivono nelle aree assediate del Paese, zone in cui il 46,6 per cento delle vittime sono piccoli al di sotto dei 14 anni.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE