Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

A sostegno di una formazione integrale dei giovani

· Il prefetto della Congregazione per l’educazione cattolica in Cile ·

La visita ad alcune università cattoliche e la partecipazione al quarto convegno sull’educazione cattolica hanno caratterizzato il viaggio in Cile compiuto dal 7 al 14 ottobre dal cardinale Giuseppe Versaldi.

Il prefetto della Congregazione per l’educazione cattolica, accompagnato da monsignor Massimo Pepe, ha potuto rendersi conto della ricchezza della presenza della Chiesa nel campo dell’educazione dei giovani a livello sia di scuole inferiori sia di quelle degli studi superiori.

Ha incontrato, infatti, oltre ai rappresentanti della sede centrale della Pontificia università cattolica del Cile a Santiago, anche altre realtà del paese: il rettore e i membri del consiglio superiore della Pontificia università cattolica di Valparaíso, come pure quelli di Villarrica, più a sud, per poi fermarsi a visitare l’università cattolica di Temuco, dove ha benedetto la statua di Giovanni Paolo ii. Tutte istituzioni che offrono un servizio eccellente alla gioventù e sono altamente considerate anche in campo civile per l’opportunità che offrono a molti giovani, anche delle classi meno abbienti, di accedere ai titoli accademici per costruirsi una vita dignitosa nella società cilena.

Ma sono state soprattutto le due giornate del congresso a Santiago — promosso dalla Pontificia università cattolica del Cile, in collaborazione con la Conferenza episcopale cilena, sul tema: «La nostra missione nel Cile di oggi», e perfettamente organizzato dal rettore Ignacio Sánchez Díaz — a rappresentare il momento più qualificante della visita. È stata un’occasione di riflessione generale sulla testimonianza delle istituzioni scolastiche e universitarie della Chiesa in Cile, con interventi e tavole rotonde di grande interesse e attualità. Il cardinale Versaldi ha svolto due relazioni: una indirizzata alle scuole e l’altra alle università. Sono stati richiamati alcuni punti essenziali riguardanti l’identità delle istituzioni educative cattoliche derivanti dal modello di Cristo, divin maestro, nonché la necessità di incarnare il messaggio evangelico nella realtà delle situazioni storiche sempre mutevoli, per favorire la costruzione di un mondo secondo il progetto di Dio.

I numerosi incontri con docenti e studenti hanno permesso al porporato di constatare una realtà viva e impegnata in un costante sforzo di dialogo intra ed extra-ecclesiale, in un contesto sociale in cambiamento che comporta numerose sfide per la Chiesa in Cile. Una particolare attenzione viene data alla pastorale universitaria come momento di aggregazione e di proposta di una vita cristiana all’interno dell’università, ma anche volta a dare risposta alle esigenze del territorio. Di particolare intensità sono state le due celebrazioni eucaristiche programmate nei due giorni del congresso, una al campus e una alla sede centrale, nelle quali il cardinale ha potuto constatare la massiccia partecipazione spontanea di moltissimi giovani, già abituati a integrare il loro impegno di studio con una assidua vita di fede.

Da parte sua il prefetto ha assicurato la vicinanza e l’incoraggiamento della Congregazione a tutta l’attività educativa in Cile sotto la sapiente guida dei vescovi locali, i quali, a cominciare dal cardinale Ezzati Andrello, gran cancelliere della Pontificia università di Santiago, e dal vescovo incaricato per la pastorale educativa, monsignor Cristián Roncagliolo, dimostrano una attiva attenzione alla formazione integrale della gioventù, specialmente in vista sia della visita di Papa Francesco nel prossimo gennaio 2018, sia in preparazione al sinodo sui giovani previsto per il mese di ottobre successivo. Sono occasioni che certamente aiuteranno ancor di più le scuole e le università cattoliche del Cile a progredire nel loro cammino di testimonianza dell’amore della Chiesa verso la gioventù.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 giugno 2019

NOTIZIE CORRELATE