Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Bisogna sostenere
i cristiani del Medio oriente

· Il presidente della Pontificia commissione per l’America latina scrive alle conferenze episcopali ·

«La testimonianza dei martiri», come ha anche recentemente ricordato la beatificazione dell’arcivescovo salvadoregno Óscar Arnulfo Romero, «deve essere motivo di edificazione per tutti i cristiani, chiamati a vivere il dono della fede con coerenza e coraggio, con il dono di tutta l’esistenza».

È quanto scrive il cardinale Marc Ouellet, presidente della Pontificia Commissione per l’America latina, in una lettera indirizzata a tutti i presidenti delle Conferenze episcopali latinoamericane, nella quale chiede di avviare le necessarie iniziative per sensibilizzare i fedeli nei confronti delle difficili condizioni di vita dei cristiani del Medio oriente e lanciare iniziative di preghiera e di comunione con queste comunità sofferenti a causa della propria fede. L’appello lanciato dal cardinale Ouellet, viene sottolineato, risponde alla preoccupazione più volte dimostrata da Papa Francesco per la sorte dei cristiani perseguitati in tutto il mondo, ma soprattutto in questo particolare momento storico in Siria e in Iraq. Il prossimo 8 dicembre, inoltre, in concomitanza con l’apertura dell’anno giubilare dedicato alla misericordia, la Pontificia Commissione per l’America Latina invita tutte le realtà ecclesiali della regione ad avviare una colletta per aiutare materialmente le comunità cristiane della Siria e dell’Iraq. Infatti, spiega il cardinale Ouellet, sebbene molti cristiani siano stati costretti a intraprendere la via dell’esilio, molti altri hanno eroicamente deciso di rimanere nei luoghi d’origine per continuare a dare la propria testimonianza di fede cristiana. La sopravvivenza delle comunità cristiane del Medio oriente, sottolinea, è fondamentale per tutta la cattolicità. La somma che verrà raccolta dalle diverse realtà ecclesiali dell’America Latina verrà in seguito gestita dalla Pontificia Commissione, che provvederà a far giungere gli aiuti finanziari laddove sono ritenuti più necessari.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE