Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Sospesa la Costituzione in Thailandia

· Il generale golpista si nomina primo ministro ·

Dopo il colpo di Stato di ieri in Thailandia, il generale Prayuth Chanocha ha sospeso la Costituzione, si è nominato primo ministro e ha imposto il coprifuoco notturno. I militari golpisti hanno convocato stamane i rappresentanti del Governo defenestrato. L’ex primo ministro, Yingluck Shinawatra, che era stata rimossa dal suo incarico all’inizio di maggio dalla Corte suprema, è arrivata in una caserma della capitale a bordo della sua auto privata. Convocati dai generali anche decine di altre personalità di spicco del panorama politico, tra cui il successore di Yingluck, Niwattumrong Boonsongpaisan. Non è ancora chiaro cosa li attenda, ma a tutti è stato vietato di lasciare il Paese. Dopo l’annuncio del colpo di stato — che ha ricevuto l’unanime condanna internazionale — sono stati tratti in arresto oltre trenta leader politici e della protesta antigovernativa.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 giugno 2019

NOTIZIE CORRELATE