Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Sos migranti

· ​Appello dell’Unhcr a intensificare i soccorsi in Mediterraneo ·

L’alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) esprime profondo dolore per l’ennesima tragedia nel Mediterraneo che ieri ha causato la morte di almeno nove persone, un numero purtroppo ancora provvisorio e che potrebbe rivelarsi ancora maggiore. 

Operazione di soccorso nel Canale di Sicilia (Afp/Guardia costiera italiana)

L’Unhcr elogia l’impegno dimostrato dalle autorità italiane, che durante gli ultimi tre giorni hanno soccorso in Mediterraneo cinquemilacinquecento migranti e profughi, ma rinnova l’appello urgente affinché il soccorso in mare venga rafforzato e diventi di gestione europea.

I morti nel Mediterraneo dall’inizio del 2015, sottolinea ancora l’Unhcr, sono già ben oltre cinquecento, un numero trenta volte più alto rispetto allo stesso periodo del 2014. Questi dati, secondo l’agenzia dell’Onu, dimostrano come le attuali forze in campo non siano sufficienti ad affrontare i flussi attuali e come senza adeguate operazioni di monitoraggio, ricerca e soccorso in mare, sarà inevitabile che molte altre persone perderanno la vita nel tentativo di raggiungere la salvezza in Europa. L’Unhcr incoraggia infine ad aumentare gli sforzi per garantire alternative legali e sicure per coloro che fuggono da conflitti e persecuzioni, in modo che queste persone non siano costrette a intraprendere pericolose traversate via mare.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 aprile 2019

NOTIZIE CORRELATE