Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Sopravvissuti ai creditori del console

· Si apre a Parigi la mostra «Le Trésor du Saint-Sépulcre. Presents des cours royales europeennes à Jerusalem» ·

Uno dei due curatori – l'altro è Bernard Degout – della mostra «Le Trésor du Saint-Sépulcre. Presents des cours royales europeennes à Jerusalemm», in programma dal 16 aprile al 14 luglio nella Sala delle Crociate del Chateau de Versailles e nella Maison de Chateaubriand, firma per il nostro quotidiano un articolo in cui racconta la genesi storica e il contenuto di un'esposizione senza precedenti.

La spada di Goffredo di Buglione, il bastone pastorale in argento dorato e pietre preziose donato da Luigi XVI, la lampada in oro massiccio offerta da Giovanni V del Portogallo, il baldacchino eucaristico opera di Francesco Natale Juvarra, dono del re di Spagna Filippo IV in argento, bronzo e pietre preziose: sono solo alcuni dei duecentocinquanta meravigliosi oggetti esposti a Parigi. La mostra presenta la raccolta di doni estremamente vari che i regnanti europei inviarono nei secoli al Santo Sepolcro. Una pagina inedita e sconosciuta della storia del pellegrinaggio verso la Terra Santa che i curatori della mostra hanno cercato a lungo e con impegno di ricostruire. Suddivisi in cinque sezioni secondo la loro provenienza, per la maggior parte si tratta di oggetti prestati dalla Custodia di Terra Santa, e che al termine dell’evento parigino torneranno a Gerusalemme per essere esposte in maniera permanente in una nuova sede museale.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

11 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE