Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Sono le più antiche omelie cristiane

· I testi di Origene scoperti nel codice «Monacense greco 314» della Bayerische Staatsbibliothek di Monaco ·

La clamorosa scoperta del testo greco di 29 omelie di Origene nel codice Monacense greco 314 comincia già a dare i suoi primi frutti nell’ambito della ricerca.

La Chiesa nascente ereditò dal culto sinagogale giudaico l’usanza della predicazione di un’omelia durante le funzioni liturgiche, ma di questa più antica produzione omiletica cristiana, così come delle omelie giudaiche, neppure una è giunta a noi nella sua integrità, e dei loro caratteri possiamo arguire indirettamente soltanto generiche notizie. In effetti quelle di Origene sono le più antiche omelie cristiane giunte a noi proprio così come furono pronunciate. Egli le predicò, dopo il suo allontanamento da Alessandria, in qualità di presbitero nella Chiesa di Cesarea di Palestina; e, come risulta da una notizia fornitaci da Eusebio di Cesarea, soltanto quando ormai era sessantenne, cioè intorno al 245, egli autorizzò i tachigrafi a registrarne il contenuto mentre predicava e quindi a diffonderlo.

Siamo perciò proprio alla fine della sua lunga attività di interprete della Scrittura. Già molti anni prima, nella qualità di maestro ( didàskalos ) nella scuola di catechesi, egli ne aveva interpretato molti libri e aveva pubblicato il contenuto delle sue lezioni in ponderosi commentari. Alla maniera del commentario classico d’argomento sia letterario sia filosofico, nei suoi commentari scritturistici Origene interpreta il testo biblico frazionandolo in lemmi abitualmente di modesta lunghezza e facendo seguire a ogni lemma la relativa spiegazione.

Invece, per quel poco che ne sappiamo, l’omelia sia giudaica sia cristiana si sviluppava in modo più organico e unitario, trattando di un argomento desunto dalla lettura previa di un testo scritturistico.

Origene ha modificato radicalmente questa semplice e unitaria struttura in quanto ha trasferito nell’omelia la lemmatizzazione del testo biblico previamente letto, sì che la sua omelia si presenta esteriormente come una sequenza di brevi lemmi seguiti ognuno dalla specifica spiegazione, inquadrata da una breve introduzione e altrettanto breve conclusione.

Questa struttura composita dell’omelia origeniana si sarebbe diffusa ampiamente sia in oriente sia anche in occidente e sarebbe stata adottata, con vari adattamenti, da tutti i più rappresentativi omileti, anche da Agostino.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE