Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Soluzioni giuste per la Siria

· Con i fedeli greco-melchiti il Papa invoca la fine delle violenze e chiede di non rassegnarsi a un Medio oriente senza cristiani ·

In un messaggio al patriarca Bartolomeo l’invito a percorrere la strada della riconciliazione

«Cessi ogni violenza e attraverso il dialogo  si trovino soluzioni giuste e durature»  a un confilitto che in Siria «che ha già causato troppi danni». Il nuovo appello per la pace è stato lanciato da Papa Francesco stamane, sabato 30 novembre, durante l’udienza a un gruppo di fedeli della comunità greco-melchita ricevuti nella Sala Clementina insieme con il patriarca e il Sinodo della Chiesa di Antiochia. Il Pontefice ha invitato ad avere fiducia «nella forza della preghiera e della riconciliazione», chiedendo in particolare il «rispetto vicendevole  tra le varie confessioni religiose» per assicurare a tutta la popolazione siriana — che da troppo tempo patisce una «grande tribolazione» — «un futuro basato sui diritti inalienabili della persona, compresa la libertà religiosa».

A questo proposito il vescovo di Roma ha ribadito la necessità di non rassegnarsi «a pensare al Medio Oriente senza cristiani». E ha incoraggiato la comunità greco-melchita a mantenere salde le proprie radici umane e spirituali «perché — ha affermato — la Chiesa intera ha bisogno del patrimonio dell’Oriente cristiano». Temi, questi, che Papa Francesco ha ripreso anche nel messaggio inviato al Patriarca ecumenico Bartolomeo i in occasione della festa di sant’Andrea. «Sono consapevole della vostra profonda preoccupazione per la situazione dei cristiani in Medio Oriente e per il loro diritto di rimanere nella loro patria» ha scritto, ripetendo che «il dialogo, il perdono e la riconciliazione sono gli unici strumenti possibili per ottenere la risoluzione del conflitto».

Dal Papa un pensiero soprattutto ai cristiani che in tutto il mondo «sperimentano la discriminazione e a volte pagano con il proprio sangue il prezzo della loro professione di fede». Una situazione che sollecita tutti i credenti in Cristo a «dare una testimonianza comune», anche per «salvaguardare ovunque il diritto di esprimere pubblicamente la propria fede e di essere trattati con equità  quando promuovono il contributo che il cristianesimo continua a offrire alla società e alla cultura».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE