Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Soluzioni condivise per combattere la miseria

· In occasione del “Mandela Day” dati e proposte fanno il punto sulla situazione della povertà nel mondo ·

Povertà, fame, difficile accesso alla sanità e crescenti disuguaglianze sociali non sono più prerogative del cosiddetto “Sud del mondo”, ma rappresentano ormai un’emergenza nei paesi occidentali colpendo una fetta sempre maggiore della popolazione. Questo l’allarme lanciato ieri dagli organizzatori del “Mandela Day”, un evento mondiale ispirato al presidente sudafricano Nelson Mandela, storico leader della lotta contro l’apartheid. Il tema centrale dell’edizione di quest’anno è stato la povertà legata all’immigrazione. E questo a partire da quanto raccolto in diversi dossier pubblicati da organizzazioni indipendenti.

Di fronte alla povertà dilagante, al pericolo di crescente marginalizzazione sociale, all’acuirsi di intolleranza e tensioni collegate anche ai flussi migratori in entrata, occorre un nuovo slancio di collaborazione tra i paesi. «La povertà non è solo un problema economico ma anche di sicurezza, di istruzione e di sanità. Serve un approccio più olistico e integrato per migliorare tutte le infrastrutture sociali e creare occupazione. Insieme dobbiamo portare avanti questi cambiamenti» ha sottolineato ieri l’ambasciatrice sudafricana in Italia, Nomatemba Tambo, figlia di Oliver Reginald Tambo, altra figura storica del movimento anti-apartheid.

In questo momento della storia del mondo, il nodo cruciale è quello della distribuzione della ricchezza. Quasi il tredici per cento della popolazione mondiale vive con meno di 1,90 dollari al giorno. La percentuale può sembrare “bassa”, ma il numero non deve trarre in inganno. O indurre a sottostimare la gravità del problema. In valori assoluti, in condizione di povertà estrema vivono 902 milioni di persone. Tra le regioni più povere in assoluto, ci sono l’Africa subsahariana (42,7 per cento dei poveri) e l’Asia meridionale (18,8 per cento). In tal senso, sottolineano i rapporti delle ong, l’unica soluzione per l’attuale emergenza immigrazione è quella di combattere la povertà nei paesi di origine.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

08 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE