Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Solo briciole
dall'Europa

· All'Italia cinquecento tecnici e cento milioni per far fronte alla gestione dei migranti ·

Un “contributo di emergenza” di cento milioni di euro e una squadra di 500 tecnici per accelerare i rimpatri degli irregolari. È quanto contenuto nelle misure straordinarie annunciate ieri dalla commissione europea per sostenere l’Italia nell’affrontare l’emergenza immigrazione. Ben poco, se si considera la portata della tragedia in atto nel Mediterraneo — ieri tredici morti in un nuovo naufragio al largo della Libia — nonché gli innumerevoli appelli, lanciati da più parti, alle necessità della cooperazione e di una strategia comune. 

Appelli rimasti sulla carta. Le nuove misure sono contenute nella lettera inviata ieri dal presidente della commissione, Jean-Claude Juncker, al capo del governo italiano, Paolo Gentiloni. La Commissione — si legge nella missiva — «è pronta a decidere, se il governo italiano lo ritiene utile, azioni complementari». Tali azioni includono, come detto, «fondi aggiuntivi di emergenza fino a 100 milioni nell’ambito del fondo Ue per l’asilo, l’immigrazione e l’integrazione per misure necessarie ad attuare la legge Minniti, e specialmente per accelerare le procedure di asilo e rimpatrio, per assistere le autorità locali e le comunità nell’accoglienza di migranti e per sostenere la loro integrazione». Saranno poi contemplate anche misure «per assicurare che tutti coloro che rispettano i criteri per il ricollocamento arrivati in Italia prima del 26 settembre prossimo siano ricollocati» e per accelerare le procedure di rimpatrio con 500 nuovi esperti di Frontex disponibili e ulteriori fondi per finanziare un maggior numero di rimpatri. Tiepida la reazione del governo italiano. In un messaggio su Twitter, Gentiloni ha ringraziato la commissione, auspicando tuttavia che a tali impegni «corrisponda mobilitazione dei partner Ue a fianco dell’Italia». Giudizio confermato oggi in un’altra dichiarazione: «Ci è arrivata la manifestazione di impegno dell’Ue, importante perché a questo impegno politico si aggiungono impegni significativi sul terreno finanziario, anche se bisognerà fare molto altro» ha detto Gentiloni. Un chiaro riferimento alla questione veramente cruciale, cui i vertici della commissione non fanno riferimento nella loro lettera. Ovvero la cooperazione, la solidarietà tra i paesi Ue, la necessità di un piano di ricollocamenti condiviso. Il che implicherebbe anche l’apertura di altri porti del Mediterraneo dove far arrivare le navi cariche di migranti, punto sottolineato più volte dagli italiani.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE