Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Solidarietà
e comunione

· ​Dalle Chiese del continente americano ·

 Si moltiplicano, soprattutto nel continente americano, le espressioni di comunione e solidarietà delle Chiese locali con il popolo venezuelano alle prese ormai da mesi con una crisi umanitaria e sociale che sembra non conoscere precedenti. L’ultima presa di posizione, in ordine di tempo, è quella dell’episcopato messicano che ha appena lanciato un forte appello «perché, uniti come Chiesa, manifestiamo comunione e solidarietà con il popolo nostro fratello e ora sofferente del Venezuela». Di qui anche l’invito a realizzare una raccolta straordinaria di fondi che attraverso i canali della Caritas, si potrà realizzare a livello individuale o tramite una “Colletta speciale” il 18 e 19 giugno prossimi.
Il messaggio è firmato dal presidente della Conferenza episcopale, il cardinale arcivescovo di Guadalajara, Francisco Robles Ortega, e dal segretario generale dell’episcopato, l’ausiliare di Monterrey, Alfonso Gerardo Miranda Guardiola. Ed è indirizzato ai presuli, ai sacerdoti, alle religiose e ai religiosi, ai laici delle diocesi messicane e «soprattutto alle persone di buona volontà».
L’episcopato messicano mette in luce in particolare come «la crisi umanitaria in Venezuela qualificata già “senza precedenti” sta peggiorando, in quanto aumenta la carenza di cibo e medicine». In particolare, il vertiginoso aumento dell’inflazione che ha causato il collasso del sistema sanitario, unita alla violenza, hanno lasciato la popolazione priva di accesso alla nutrizione, all’assistenza sanitaria e ai servizi pubblici di base. «Questa crisi — sottolineano i vescovi — colpisce soprattutto i più vulnerabili, tra cui i bambini».

Iniziativa concreta di solidarietà anche nella diocesi colombiana di Cúcuta, dove in questi giorni è stata aperta una nuova casa di accoglienza per venire in aiuto ai venezuelani, che ogni giorno attraversano il confine a migliaia in cerca di cibo, medicine, articoli di prima necessità, e di qualche possibilità di sostegno. La struttura conta di accogliere ogni giorno circa 500 persone, cui vengono offerti cibo, acqua, assistenza spirituale e pastorale.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 ottobre 2018

NOTIZIE CORRELATE