Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La solidarietà di Avetrana

· Negozianti e cittadini aiutano i migranti in Puglia mentre si contano altre vittime di naufragi ·

Gara di solidarietà per oltre 70 migranti, probabilmente di nazionalità pakistana, sbarcati ieri mattina sulla spiaggia di Torre Colimena, in provincia di Taranto, in Puglia. Mentre purtroppo, nelle stesse ore, almeno due persone hanno perso la vita in mare e mentre si ha notizia di un altro naufragio avvenuto nei giorni scorsi al largo della Libia, con numerosi dispersi.

La maggior parte dei migranti sbarcati sulla costa della regione meridionale italiana, tra cui alcuni minorenni, è apparsa in buone condizioni di salute, solo alcuni presentavano piccole escoriazioni e ustioni alle mani e ai piedi. La spiaggia di Torre Colimena si trova nella località di Manduria, dove nel marzo del 2011 fu allestita una tendopoli nell’aeroporto militare dismesso, per far fronte all’emergenza migranti. Questa volta i migranti pakistani sono stati accompagnati temporaneamente nel campo sportivo della vicina Avetrana, messo a disposizione dall’amministrazione comunale. Commercianti e cittadini — legati ad associazioni o a titolo personale — hanno portato cibi caldi, vestiti e altri beni di prima necessità. Proseguono intanto, oggi, le ricerche nelle acque al largo della Libia dove ieri sono stati ritrovati due corpi senza vita dopo che un barcone con 95 persone a bordo, tra cui molte donne e bambini, si è rovesciato. Il personale dell’Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim) in Libia ha riferito che 73 persone sono state tratte in salvo.

Non ci sono più speranze invece di ritrovare in vita le persone che risultano disperse dopo il naufragio avvenuto mercoledì mattina sempre nel Mediterraneo al largo della Libia. I 100 migranti soccorsi in quel caso dal pattugliatore Cigala Fulgosi della Marina militare italiana sono sbarcati a terra ieri nel porto di Genova. Al personale medico che li ha assistiti i sopravvissuti hanno riferito di essere rimasti due giorni in mare e di aver perso alcuni compagni di viaggio.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE