Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Sogno in grande

· Messaggio del rettore maggiore alla gioventù salesiana ·

«In questi anni vi ho invitato ad accogliere la vostra giovinezza come il dono più prezioso e a orientare la vostra vita secondo un progetto vocazionale. Ho letto nei molti volti che ho incontrato la ricerca e il desiderio grande di felicità che si esprimeva nella gioia e nella festa.

La fede cristiana è la risposta a questo vostro desiderio perché è annuncio di felicità radicale, promessa e conferimento di “vita eterna”. Attingere alla spiritualità salesiana è penetrare nel cuore stesso di don Bosco, dove impegno e gioia vanno insieme, santità e allegria sono un binomio inseparabile». Lo scrive il rettore maggiore dei salesiani, don Pascual Chávez Villanueva, in un messaggio rivolto ai giovani del Movimento giovanile salesiano (Mgs) intitolato Sognate in grande e seguite il vostro sogno con gioia, entusiasmo e convinzione. Un messaggio che, essendo il rettore maggiore giunto alla scadenza del suo mandato, rappresenta anche — come dice lui stesso — una sorta di “testamento spirituale” ai ragazzi dell’Mgs.

Don Chávez Villanueva invita all’ascolto dell’appello di Papa Francesco a tutta la Chiesa: «Usciamo, usciamo ad offrire a tutti la vita di Gesù Cristo» (Evangelii gaudium, 49). Come resistere a questa chiamata, si chiede. «È un appello che ha tutta l’intensità e la passione del Da mihi animas di don Bosco. La vostra generosità giovanile non può che sussultare e lasciarsi scuotere da questo grido, abbandonando una fede timida, rattrappita dalla paura e poco incline a testimoniare. Voi siete chiamati a vivere una fede che si manifesta come profezia, come certezza di essere amati da Dio fino a mettere in lui la vostra unica sicurezza. Nel suo nome potete rischiare tutto, senza lasciarvi intimorire da niente e da nessuno, senza lasciarvi condizionare da altre visioni del mondo, senza accontentarvi di una vita mediocre».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 settembre 2018

NOTIZIE CORRELATE