Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

S’intensificano gli scontri in Siria

· Dodici morti in un nuovo bombardamento delle truppe governative sulla città di Aleppo ·

Escalation di scontri e violenze in Siria, mentre il Governo di Assad lavora a un piano di pace che dovrebbe essere presentato a breve. L’Onu condanna duramente la posizione di Damasco sulla crisi, sottolineando il proprio «rammarico» per le parole pronunciate due giorni fa dal presidente siriano in un discorso alla Nazione.

Almeno sessanta persone, fra le quali 34 civili, sono state uccise ieri in tutto il Paese, secondo un bilancio provvisorio dell’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus). L’episodio più grave, il bombardamento che ha colpito il quartiere di Al Mashhad ad Aleppo, ha provocato la morte di 12 persone, tra le quali un bambino. Ma la battaglia continua a infuriare anche in diverse altre località. Soprattutto nei sobborghi di Damasco, investiti negli ultimi giorni da una controffensiva governativa che mira a spezzare l’assedio delle milizie ribelli.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE