Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Sino ai confini della terra

Per la visita del Papa in Australia, in questi giorni più di una volta è stato ricordato il mandato biblico di arrivare «sino ai confini della terra». L'accostamento non è un banale ricorso retorico; ci si può allora domandare perché Benedetto XVI abbia affrontato le fatiche di un viaggio così lungo e impegnativo, tanto più che lui stesso vi ha accennato con una confidenza tanto semplice quanto inusuale. Trovare la risposta non presenta difficoltà: è sempre la trasmissione della fede ad avere indotto il vescovo di Roma, sulle tracce dei suoi immediati predecessori, a compiere questa visita che, per molti segni, resterà nella memoria collettiva del nostro tempo, e ancora di più nel cuore di tanti.

Grazie anche all'impegno della Chiesa radicata in questa «terra meridionale dello Spirito Santo» e alla larga collaborazione del Governo australiano — e per questa accoglienza vanno ricordati i nomi dell'arcivescovo di Sydney, il cardinale George Pell, e del primo ministro Kevin Rudd — la visita del Papa, lungamente preparata, ha reso più visibili l'attualità della proposta cristiana e l'urgenza di trasmetterla. Per un appuntamento dato alla Chiesa di tutto il mondo e al quale hanno risposto diverse centinaia di vescovi di moltissimi Paesi insieme a un numero davvero grande di giovani.

Ancora una volta, insomma, Benedetto XVI si è speso per mostrare la continuità e la vitalità sempre nuova della tradizione cristiana. E ha saputo farlo con parole sapienti e suggestive. Come nell'ultima grande celebrazione che ha chiuso questa giornata mondiale della gioventù, dove il vescovo di Roma è stato profondo e nello stesso tempo chiaro nel descrivere l'azione dello Spirito Santo nella vita della Chiesa. Il dono dello Spirito Santo può infatti vincere i mali di oggi: indifferenza, stanchezza spirituale, conformismo allo spirito del tempo, superficialità, apatia, chiusura, nel panorama di un «deserto spirituale» che si va allargando. Purché a questo dono si sia disposti ad aprire il proprio cuore; ed «ecco perché — ha aggiunto il Papa — la preghiera è così importante».

Alle centinaia di migliaia di giovani riuniti a Sydney — e attraverso di loro a tutta la Chiesa — Benedetto XVI ha posto domande semplici e radicali, centrate proprio sulla trasmissione della fede ricevuta come un'eredità preziosa: «State costruendo qualcosa che durerà? State vivendo le vostre vite in modo da fare spazio allo Spirito in mezzo a un mondo che vuole dimenticare Dio, o addirittura rigettarlo in nome di un falso concetto di libertà?». In questo modo, grazie a questa tradizione che va mantenuta viva, i cristiani devono contribuire «all'edificazione di un mondo in cui la vita sia accolta, rispettata e curata amorevolmente». Collaborando con tutti, credenti e non credenti, per testimoniare Cristo sino ai confini della terra.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE