Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Simeone
e il frutto dell’albero

· La festa dell’Ingresso del Signore nel tempio negli inni di Efrem il Siro ·

Efrem il Siro canta la pericope evangelica della presentazione di Gesù nel tempio (Luca, 2, 22ss) in alcuni inni sulla Natività di Cristo. Ci soffermiamo su due poemi di questa collezione, il XXV e il VI. Nel primo il poeta teologo canta la Chiesa come luogo dell’adunanza dei fedeli per la celebrazione del mistero dell’incarnazione del Verbo di Dio.

Gheorgij Dimov«Icona della festa dell’incontro» (xx secolo)

Lungo tutto l’inno Efrem mette in parallelo Maria e la Chiesa; quanto è prefigurato e profetizzato dell’una avviene anche nella vita dell’altra. Tutte le strofe iniziano con la frase: «Beata sei tu, o Chiesa...», e nelle prime due troviamo quasi una presentazione della situazione liturgica e architettonica della celebrazione: «Beata sei tu, o Chiesa, poiché risuona in te la grande festa, la solennità del Re... Beate le tue porte, aperte ma non piene; i tuoi atri, spaziosi ma non sufficienti alla folla... Beata sei tu, o Chiesa, poiché nelle tue solennità i vigilanti gioiscono in mezzo alle tue feste... per tutta la notte i vigilanti danno gloria... Beati i tuoi canti, seminati, mietuti e raccolti nei granai del cielo. La tua bocca è un incensiere e i tuoi canti aromi esalanti nelle solennità». L’accenno ai vigilanti nel contesto del vangelo di Luca è riferito ai pastori senz’altro, ma anche ai cristiani veglianti nella preghiera.

La profezia di Isaia (7, 14), viene applicata a Maria e alla concezione del Verbo di Dio nel suo grembo, e anche alla Chiesa in cui avviene pienamente anche il significato salvifico del nome Emmanuel “Dio è con noi”. Cristo concepito nel grembo di Maria, e concepito anche nel cuore della Chiesa; i fedeli in essa vengono mescolati, fatti partecipi della natura divina di Cristo: «Beata sei tu, o Chiesa: di te gioisce Isaia con la sua profezia: “Ecco, la Vergine concepirà e partorirà” un bimbo, il cui nome è un grande simbolo. Oh il significato svelato nella Chiesa! Due nomi mescolati che divengono uno: “Emmanuel”. “El” è sempre con te, poiché ti ha mescolata alle sue membra». In diverse strofe Efrem continua la lettura ecclesiologica di alcune profezie veterotestamentarie. Propone inoltre un parallelo tra Betlemme e la Chiesa; la prima significa “casa del pane”, la seconda custodisce la parola, e i sacramenti: «Beata sei tu, o Chiesa... Beati i tuoi montoni marchiati col tuo marchio, le tue pecore custodite dalla sua parola. Tu, o Chiesa, sei la perenne Betlemme, poiché in te c’è il pane della vita». Infine le profezie di Daniele e i salmi di Davide trovano nella Chiesa il loro compimento: «Beata sei tu, o Chiesa: ecco gioisce di te Daniele che aveva indicato che il Cristo glorioso sarebbe stato ucciso... Beata sei tu, o Chiesa: sulla propria cetra canta di te il re Davide». La Chiesa ancora viene presentata come luogo e ricettacolo delle Sacre Scritture e anche il luogo dove esse vengono interpretate: «Beata sei tu, o Chiesa... In te i profeti stanchi hanno trovato riposo... Beati i suoi libri, dispiegati nei tuoi templi, e le solennità sfavillanti nei tuoi santuari...».

Dopo le profezie dell’Antico Testamento, la Chiesa viene presentata come luogo della pienezza delle beatitudini evangeliche; Efrem ne enumera dieci, facendo un’aggregazione tra Matteo e Luca: «Beata sei tu, o Chiesa, per le dieci beatitudini, donate dal nostro Signore. Simbolo pieno: al dieci sono infatti appesi tutti i numeri, perciò le dieci beatitudini ti hanno resa perfetta... O beata, da ogni beatitudine coronata, anche su di me lancia una beatitudine!».

Betlemme e Maria, piccole ed umili, diventano abitazione e dimora del Signore per la sua incarnazione e la sua nascita: «Beata sei tu, Betlemme: fortezze e potenti città ti hanno invidiato. Maria come te l’hanno invidiata donne e vergini figlie di nobili. Beata la fanciulla degna di essere la sua abitazione, e il borgo degno di essere sua dimora. Una fanciulla indigente ed un piccolo borgo lui si è scelto per farsi umile». E quasi senza soluzione di continuità troviamo nella strofa 13 il fulcro di tutta la cristologia di Efrem: il Figlio eterno del Padre che nasce nel tempo: «Beata sei tu, Betlemme: in te ebbe inizio il figlio che è nel Padre dall’eternità... Colui che in te si è sottomesso al tempo, è prima del tempo... In te cominciò a belare l’agnello di Dio, che in te ha saltellato e nella tua mangiatoia è stato piccolo, pur distendendosi su tutte le creature ed adorato in ogni direzione».

Nella penultima delle strofe troviamo il riferimento al Vangelo di Luca (2, 22ss) nell’anziano Simeone, che è chiamato beato per il suo portare, offrire Cristo al Padre: «Beato il sacerdote che, nel santuario, ha offerto al Padre il figlio del Padre; frutto raccolto dal nostro albero, pur provenendo direttamente dalla divina maestà». Efrem vede in Simeone che porta il bambino Gesù come un raccogliere il frutto dall’albero, visto come luogo dell’umanità di Cristo. Il tempio dove Cristo entra è il tempio dal velo strappato nella crocifissione da Cristo stesso: «Nel tempio lo Spirito attendeva con ardore il suo ingresso e quando fu crocifisso uscì, strappando il velo».

Nell’inno vi della stessa collezione, Efrem dedica tre strofe ai due anziani, Simeone e Anna, che ricevono Cristo nel tempio e gli cantano nenie che diventano vere e proprie confessioni di fede: «Nel tempio santo Simeone lo portava cantandogli una nenia: “Sei venuto, o clemente, tu che hai clemenza della mia vecchiaia e fai entrare le mie ossa in pace nello sheol. Grazie a te risusciterò dal sepolcro al paradiso”». Efrem quindi presenta Anna che bacia in bocca il bambino, come Isaia fu toccato sulle labbra dal carbone ardente: «Lo abbracciò Anna e lo baciò sulle sue labbra. E lo Spirito si posò sulle sue labbra come fu con Isaia... E Anna cantò una nenia: “O figlio di condizione regale, figlio di condizione vile, in silenzio ascolti, invisibile vedi, nascosto intendi. Dio figlio d’uomo sia gloria al tuo nome”».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 gennaio 2020

NOTIZIE CORRELATE