Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Siamo un solo gregge

· La visita dell’arcivescovo Welby al Wcc ·

Ginevra, 22. «Siamo uno con le nostre differenze e non molti che cercano di essere uno». Si chiama «ecclesiologia dai confini aperti» ed è la sfida ecumenica che le Chiese del terzo millennio si trovano ad affrontare, secondo l’arcivescovo di Canterbury e primate della Comunione anglicana, Justin Welby, il quale ha aperto, nei giorni scorsi, a Ginevra una serie di incontri e cerimonie promosse dal World Council of Churches (Wcc) per celebrare il settantesimo anniversario dell’organismo ecumenico. Un anniversario che offre oggi un’occasione a tutto il movimento ecumenico per ripercorrere insieme i passi compiuti nel passato, fare il punto sui traguardi raggiunti e guardare al futuro per capire come le Chiese, insieme e solo insieme, vogliono porsi di fronte a un mondo che invoca pace e riconciliazione.

«Il dialogo teologico ha portato grandi frutti», ha esordito l’arcivescovo Welby nella sua Lectio al Wcc. Nel corso del ventesimo secolo abbiamo assistito a un importante riavvicinamento teologico e dottrinale tra le Chiese. Sono passati quasi venticinque anni, quando per la prima volta l’allora segretario generale del World Council of Churches parlò di “inverno ecumenico”. Tuttavia, «quell’inverno — ha spiegato l’arcivescovo Welby — seppe generare frutti importanti, accordi teologici che segnano ancora il passo del cammino delle Chiese verso l’unità. Una ricchezza di risultati ecumenici che spinse il cardinale Walter Kasper a scrivere un libro intitolato Harvesting the Fruits (“Raccolta dei frutti”)».

Molte, se non tutte, le divisioni nella Chiesa riguardano questioni di principio e di dottrina, questioni di potere e di autorità se non addirittura dispute territoriali. Sono questioni in cui spuntano le barriere che delimitano un territorio, definiscono identità. «Se da una parte le frontiere implicano una differenza», dall’altra — ha fatto notare l’arcivescovo Welby — «ci dicono che c’è l’altro, l’altra persona, l’altra cultura, l’altra razza, l’altra nazione». Tutto sta nel capire, dunque, come le Chiese vogliono vivere la «frontiera», se come spazio chiuso o porta aperta.

«I confini aperti — ha aggiunto il primate anglicano nella sua Lectio — consentono all’altro di essere parte di noi stessi. Permettono il movimento, esibendo non divisione ma diversità. Nella loro apertura, invitano all’incontro».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

27 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE