Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Si ferma l’avanzata
di Haftar in Libia

· Dopo durissimi scontri nella regione del Fezzan ·

Soldati leali al generale Haftar nella città di Sebha (Afp)

Bloccata l’avanzata a sudovest di Khalifa Haftar. L’uomo forte del governo di Tobruk ha fermato la sua avanzata scattata lo scorso 10 febbraio. L’avanzata aveva suscitato la durissima reazione del governo di Tripoli guidato da Fayez Al Sarraj. L’esercito di Haftar aveva iniziato ad avanzare pesantemente in molte aree del Fezzan, la regione meridionale della Libia. I soldati della Cirenaica erano riusciti a compiere una manovra di accerchiamento alle spalle delle forze armate di Tripoli e Misurata, spingendosi a conquistare la città di Sebha, creando alleanze con milizie locali (soprattutto di etnia tuareg) e scontrandosi invece con altre milizie di etnia tebu. L’ambasciatore di Libia all’Onu, Mehdi Al Mujrabi, aveva presentato pochi giorni fa una denuncia al Consiglio di sicurezza dell’Onu, accusando il generale di Bengasi e il suo esercito di «atti di terrorismo e crimini di guerra». Ieri l’operazione militare si è conclusa. Haftar è stato costretto a ritirarsi «dopo che due giorni fa ha perso sei dei suoi uomini e altri venti sono rimasti feriti» ha detto all’Adnkronos Ashraf Shah, ex membro del dialogo politico che ha portato agli accordi di Skhirat. «A Sebha era entrato senza alcun problema, grazie ad accordi con le milizie locali. Ma nella battaglia a sud-ovest per il controllo del giacimento di Sharara e dopo il bombardamento del terminal petrolifero di El Feel, le sue forze sono state costrette a ripiegare». Il problema è che Haftar — prosegue Shah — «non aveva calcolato la nomina del generale Ali Kanna da parte del Consiglio presidenziale di Tripoli, che ha messo i tuareg contro il generale, mettendolo in condizione di inferiorità numerica sul terreno». In effetti, Ali Kanna, generale vicino all’ex dittatore Gheddafi, rappresentante della comunità tuareg, è stato nominato pochi giorni fa a capo delle forze militari del sud della Libia.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE