Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Si conclude la sesta riunione
del Consiglio di cardinali

Da una parte il laicato e la famiglia, con particolare riferimento ai movimenti, alla pastorale e al ruolo della donna; dall’altro, la giustizia e la pace, la carità, la questione migranti e rifugiati, la tutela della vita, la cura della salute e l’ecologia. Su questi temi — e sui modi concreti per affrontarli «in modo coordinato e integrato» all’interno della Curia romana — si è interrogato il Consiglio di cardinali nel corso della sesta riunione, che si è aperta lunedì mattina, 15 settembre, e si conclude nella serata di oggi, mercoledì 17. Lo ha reso noto il direttore della Sala stampa della Santa Sede, padre Federico Lombardi, durante un briefing con i giornalisti, sottolineando che Papa Francesco ha partecipato a tutte le sessioni di lavoro, fatta eccezione per quella che ha coinciso con l’udienza generale.

Il gesuita ha anche spiegato che in questa occasione i cardinali non hanno più preso in considerazione le questioni economiche ed amministrative, come avvenuto nei precedenti incontri, ma si sono concentrati sul cammino delle Congregazioni e dei Pontifici consigli. Quindi ha annunciato che è già stata formulata e condivisa una bozza introduttiva alla nuova costituzione apostolica sulla riforma della Curia romana, e che le prossime riunioni si terranno dal 9 all’11 dicembre 2014 e dal 9 all’11 febbraio 2015.

Il Consiglio di cardinali — ha ricordato — «non prende decisioni, ma formula proposte per il Papa», il quale poi si dedica ad «approfondire la consultazione, anche per quanto riguarda i diversi dicasteri, coinvolgendone i responsabili». A questo proposito, il gesuita ha annunciato che in autunno ci sarà almeno una riunione di capi dicastero, per cui è verosimile che degli aspetti della vita della Chiesa e della sua organizzazione verranno proposti in tale incontro.

Nella circostanza è stato anche reso noto che il comitato incaricato di proporre una riforma dei media vaticani terrà la sua prima riunione a Santa Marta dal 22 al 24 settembre prossimi. Presieduto da lord Christopher Patten, esso dovrà in sostanza «fare il quadro della base comune di informazione necessaria per il lavoro dei membri» dedicandosi essenzialmente «alla programmazione del lavoro da compiere nei prossimi mesi e al metodo da seguire». Anche la Pontificia Commissione per la tutela dei minori tornerà a riunirsi. Dal 4 al 5 ottobre, infatti, verranno definiti gli aspetti riguardanti gli statuti e gli altri membri.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 novembre 2018

NOTIZIE CORRELATE