Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Si attenua la tensione tra Italia e Francia

· L’Aquarius costretta a cambiare rotta a causa del maltempo ·

 Ha dovuto cambiare rotta la nave Aquarius nel suo lento avvicinamento alle coste spagnole. La decisione è stata presa per cercare di mettere al riparo dagli effetti del maltempo i migranti a bordo dell’imbarcazione, che attualmente si trova a sud-est della Sardegna. Le condizioni meteorologiche, come del resto era ampiamente previsto, sono in netto e rapido peggioramento e ora l’Aquarius si trova ad affrontare un mare sempre più agitato. E mentre i profughi — ormai esausti dopo giorni e giorni di navigazione — si trovano ancora in balia di onde che raggiungono i tre metri, la diplomazia europea cerca di calmare le acque dopo ore concitate in cui ha avuto luogo un’inusitata ma fragorosa collisione, per rimanere nel gergo marinaresco, tra Francia e Italia.

Come è noto, lo scontro tra Parigi e Roma, che ha in vario grado coinvolto le principali capitali dell’Unione europea, ha riguardato proprio la gestione della vicenda della Aquarius, con la Francia che ha accusato l’Italia di cinismo e irresponsabilità per non avere ospitato la nave nei suoi porti. Ma inevitabilmente il durissimo confronto ha assunto contorni più ampi, toccando il tema, davvero sensibile, della gestione complessiva della questione migratoria da parte dell’Ue, con i paesi di primo approdo che giustamente lamentano di essere stati lasciati soli ad affrontare l’emergenza, mentre accusano i loro vicini di non rispettare le quote pre i ricollocamenti dei profughi. Il presidente Macron ha sottolineato di non aver pronunciato alcuna espressione volta a offendere l’Italia e il popolo italiano. Il presidente della repubblica e il presidente del consiglio hanno confermato l’impegno della Francia e dell’Italia a prestare i soccorsi nel quadro delle regole di protezione umanitaria delle persone in pericolo. Il presidente della repubblica ha ricordato di aver sempre difeso la necessità di una solidarietà europea accresciuta nei confronti dell’Italia.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

14 novembre 2018

NOTIZIE CORRELATE