Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Sfida nordcoreana alla pace

· Ferma condanna internazionale per il test di una bomba nucleare quasi pari a quella di Hiroshima ·

Profondamente preoccupante e deplorevole la nuova sfida del regime comunista di Pyongyang che mina in modo significativo la pace e la sicurezza dell’area. La televisione di Stato della Corea del Nord ha infatti annunciato oggi il successo del quinto test nucleare del Paese. Secondo fonti militari sudcoreane, l’esperimento effettuato da Pyongyang «è il più potente fino a ora, poco meno forte dell’esplosione della bomba atomica su Hiroshima». 

La potenza sprigionata dalla bomba nordcoreana, hanno spiegato fonti di Seoul, è stata pari a «10 kilotoni, quella di Hiroshima a 15». Il test nucleare, avvenuto nella base di Punggye-ri, nel nord-est del Paese, ha causato un terremoto di oltre 5 gradi sulla scala Richter. Immediata e ferma la condanna da parte di tutta la comunità internazionale. A partire dalla Cina, che attraverso il ministero degli Esteri ha deciso di presentare una protesta formale all’ambasciatore nordcoreano a Pyongyang. Pechino esprime «opposizione risoluta» verso il nuovo test nucleare della Corea del Nord che «invita con decisione» a rispettare le sue promesse sulla non proliferazione, si legge in una dura nota del ministero degli Esteri di Pechino. La Corea del Nord, «a prescindere dall’opposizione totale della comunità internazionale, ha deciso di effettuare un altro test nucleare, rispetto al quale il Governo cinese esprime opposizione risoluta». Dal canto suo, il presidente statunitense, Barack Obama ha assicurato che «le provocazioni della Corea del Nord avranno gravi conseguenze». Il consigliere per la Sicurezza nazionale, Susan Rice. Earnest ha riferito che Obama ha avuto colloqui telefonici con il presidente sudcoreano, Park Geun Hye, e il primo ministro giapponese, Shinzo Abe, che hanno duramente condannato Pyongyang. La Corea del Nord ha reso noto che il suo nuovo test nucleare è stato realizzato facendo detonare una testata atomica che può armare missili balistici, il che certamente rappresenterebbe un notevole passo in avanti nelle capacità militari del Paese.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE