Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.


Sette settimane per l’acqua

· ​Parte dalla Terra santa l’annuale campagna del World Council of Churches ·

La Terra santa, con le difficoltà legate soprattutto all’annoso conflitto israelo-palestinese, sarà al centro di «Sette settimane per l’acqua», l’annuale campagna promossa dal World Council of Churches (Wcc) in collaborazione con Ecumenical Water Network (Ewn). Iniziativa che, ormai da diversi anni, intende sensibilizzare i cristiani, e più in genere l’opinione pubblica mondiale, al grave problema della scarsità delle risorse idriche, che in molti Paesi e regioni del pianeta, non va mai dimenticato, è ulteriore motivo di conflitti e di grandi sofferenze da parte delle popolazioni più fragili. Secondo dati forniti dalle organizzazioni non governative, attualmente nel mondo circa un miliardo di persone non ha accesso libero e diretto all’acqua pulita, con le tutte ben immaginabili conseguenze sotto il profilo igienico, sanitario e nutrizionale. Questione di giustizia sociale, dunque, ma anche di complesse problematiche legate ai rapporti tra le nazioni e agli squilibri dovuti al mancato rispetto del territorio, come pure agli squilibri climatici. Dal 2008, infatti, le due organizzazioni ecumeniche sono impegnate su questo fronte, mettendo in risalto i problemi collegati alla distribuzione equa di questo bene essenziale, focalizzando così anche il tema nella Giornata mondiale dell’acqua che tradizionalmente si tiene il 22 marzo. Appuntamento che coincide quasi sempre con il periodo quaresimale. Anche quest’anno dunque, si legge in un comunicato diffuso sul suo sito in rete dal Wcc, le Chiese e le comunità ecclesiali saranno invitate ad approfittare della quaresima, un tempo tradizionalmente dedicato al digiuno e alla penitenza, per approfondire una simile riflessione e dare slancio a iniziative di denuncia e di solidarietà sociale. Nel 2016, come accennato, il lancio della campagna, che rientra nel “pellegrinaggio di Giustizia e di pace” promosso dal Wcc, avrà come teatro Gerusalemme. L’appuntamento è fissato per il 10 febbraio, mercoledì delle ceneri, giorno in cui, come è noto, inizia il tempo di quaresima per le Chiese e le comunità che seguono il calendario gregoriano. Alla cerimonia, che si terrà presso la chiesa luterana del Redentore, parteciperanno i leader del Wcc e i rappresentanti del Consiglio delle Chiese del Medio oriente.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE