Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Servono risorse concrete

· Per proteggere e assistere profughi e sfollati in cinquanta paesi del mondo ·

L’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim) lancia un appello per ottenere circa 1,4 miliardi di dollari destinati a programmi in favore di oltre 80 milioni di persone in 50 paesi del mondo. I fondi servono ad aiutare le persone sfollate entro i confini dei loro paesi, migranti, rifugiati e le comunità che li ospitano, nonché persone che fanno ritorno alle loro aree di origine e individui colpiti da conflitti e disastri naturali. L’organizzazione sottolinea che si tratta di «necessità urgenti» per le quali i fondi devono essere raccolti entro il 2018. 

I fondi verranno destinati ad attività in materia di prevenzione e preparazione alle crisi, di risposta alle emergenze e alle attività per le fasi di transizione e di recupero. Si parla di «situazioni varie e diverse che hanno in comune l’urgenza di dover intervenire per salvare vite umane» dice l’Oim.
Per fare alcuni esempi, l’Oim menziona le conseguenze della siccità in Somalia o le necessità delle persone che cercano di ritornare alla normalità nelle zone distrutte dal conflitto in Iraq e in Siria, o le enormi difficoltà che vivono nei campi in Bangladesh gli oltre 800.000 rifugiati rohingya dal Myanmar. L’Oim ricorda che nell’Unione europea sono stati oltre 100.000 i rimpatri volontari nel 2017 e che il costo complessivo di tali operazioni è di 32,7 milioni di dollari (circa 27 milioni di euro) ogni anno. «Milioni di persone hanno bisogno non solo di assistenza e protezione in situazione di emergenza, ma di un supporto innovativo che li aiuti a rimettersi in piedi» ha detto Mohammed Abdiker, direttore delle operazioni e delle emergenze dell’Oim.
Tra i tanti scenari drammatici presi in considerazione, l’Oim denuncia «il significativo e preoccupante aumento delle vittime adolescenti della tratta». Secondo l’Oim, oltre l’80 per cento delle donne migranti arrivate attraverso il Mediterraneo in Europa negli ultimi due anni è stata vittima di sfruttamento sessuale, in particolare le giovani nigeriane.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE