Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Servizio e solidarietà come cura ai mali del mondo

· Aperto a Torre Pellice il Sinodo delle Chiese metodiste e valdesi ·

Seguire la strada del discepolato e del servizio verso l’altro, senza lasciarsi affascinare dalle logiche di potere: questo, in estrema sintesi, l’appello lanciato dal pastore Claudio Pasquet nella predicazione pronunciata ieri, domenica, durante il culto di apertura del Sinodo delle Chiese metodiste e valdesi, che si svolge, fino a venerdì 29, a Torre Pellice, in provincia di Torino. Partendo dal brano evangelico di Marco 10, 42-45 — nel quale alla richiesta dei discepoli di occupare i posti d’onore nel suo Regno, Gesù risponde esortandoli a diventare «servi di tutti» — Pasquet ha sottolineato come la Chiesa sia tale solo se si raccoglie attorno al suo Signore che le indica una via diversa e alternativa a quella dei «prìncipi delle nazioni che dominano su di esse».

Al Sinodo è giunto il «saluto fraterno» di Papa Francesco. In un messaggio a firma del cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, letto dal moderatore della Tavola valdese, pastore Eugenio Bernardini, il Pontefice assicura ai partecipanti la sua «vicinanza spirituale» e «prega il Signore di concedere a tutti i cristiani di progredire nel cammino verso la piena comunione, per testimoniare il Signore Gesù Cristo e offrire la luce e la forza del suo vangelo agli uomini e alle donne del nostro tempo».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE