Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

È il momento
di una ricostruzione efficace e veloce

· Conclusa a Macerata la visita del cardinale Bassetti nelle zone terremotate ·

Macerata, 1. «Dopo il tempo del pianto e del dolore, dopo il tempo delle discussioni e delle lamentazioni, è opportuno che arrivi il momento di una ricostruzione efficace e veloce, prima che i danni umani e materiali diventino irreparabili. Occorre, perciò, compiere uno sforzo coraggioso che consenta di superare quegli eccessi di burocrazia che rischiano di rallentare e offuscare ogni serio progetto di rinascita». Lo ha detto il cardinale arcivescovo di Perugia -Città della Pieve, Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza episcopale italiana (Cei), nell’omelia della messa celebrata ieri sul sagrato della cattedrale di Macerata in occasione della festa del patrono della città, san Giuliano ospitaliere, che ha concluso la sua visita di due giorni nelle zone terremotate di Lazio e Marche. L’Italia, ha affermato, «è una terra, forse unica al mondo, dove vita, fede e cultura, intrecciate in un unico sentimento di operosità, hanno creato una civiltà impareggiabile. Se perdiamo questa eredità, alla fine perderemo anche la nostra identità di popolo e di nazione». Occorre perciò «uno sguardo lungimirante».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE