Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Serve un’alleanza
con i musulmani moderati

· Il patriarca Laham dopo il rapimento in Siria di padre Jallouf e di una ventina di fedeli ·

«Tutto il mondo deve essere contrario a questi estremisti che commettono violenze e costituiscono una minaccia per tutti. Musulmani e cristiani devono manifestare una ferma condanna. È essenziale un’unità di intenti con l’islam e il mondo arabo». È quanto afferma Gregorios III Laham, patriarca di Antiochia dei Greco-Melkiti, commentando il sequestro del religioso francescano Hanna Jallouf, di 52 anni, e di una ventina di fedeli cristiani, avvenuto nella notte fra il 5 e il 6 ottobre in Siria. 

Martedì mattina, attraverso un comunicato ufficiale, la Custodia di Terrasanta ha confermato il rapimento del religioso e di una ventina di fedeli, prelevati dai miliziani jihadisti del fronte al-Nusra nel villaggio di Knayeh, nella valle dell’Oronte, nel nord del Paese, nei pressi del confine con la Turchia. Secondo fonti della comunità cristiana locale, padre Hanna è stato rapito assieme ai suoi parrocchiani dopo una sua recente visita al tribunale islamico, dove si era recato per denunciare vessazioni e soprusi subiti nelle ultime settimane dalle suore del locale convento da parte delle brigate di islamisti che spadroneggiano nell’area sottratta al controllo del governo di Damasco. Negli ultimi tempi infatti le espropriazioni e i saccheggi nella zona si sono intensificati e hanno finito con il coinvolgere la comunità di religiosi. I gruppi armati avevano sequestrato il raccolto delle olive e avevano iniziato ad accampare pretese sullo stesso edificio che ospita il convento. A quel punto, il parroco francescano si è recato al tribunale islamico allo scopo di denunciare le vessazioni. Pochi giorni dopo, è scattata la spedizione della brigata che ha sequestrato lui e i suoi parrocchiani.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE