Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Serve più protezione
per la libertà religiosa

· Il Parlamento europeo esprime preoccupazione per il drastico aumento delle violazioni ·

Il Parlamento europeo ha espresso preoccupazione per il drastico aumento delle violazioni della libertà di religione nel mondo e delle persecuzioni di credenti e non credenti osservato negli ultimi anni, e ha condannato gli attacchi contro gruppi etnici e religiosi, atei e qualsiasi altra minoranza, causati dall’intensificarsi delle politiche di presunta “sicurezza spirituale e sociale” messe in campo da vari governi. Di fronte a tale panorama, il Parlamento europeo ha chiesto una maggiore tutela dei diritti religiosi. È questo, in sintesi, il contenuto di una risoluzione adottata martedì scorso a Strasburgo con 576 voti a favore, 46 contrari e 73 astensioni. 

Come accennato, gli eurodeputati hanno condannato il fatto che alcuni Paesi applichino o stiano cercando di introdurre leggi che prevedono pene severe per blasfemia, per conversione a un altro credo religioso o per apostasia, inclusa la pena di morte. E sottolineano che le violazioni della libertà di religione o di credo sono spesso all’origine di guerre o altre forme di conflitti armati, oppure sempre più di frequente le aggravano, traducendosi in violazioni di diritti umani, fino ai massacri di massa o ai genocidi. Il Parlamento europeo mette in evidenza che le violazioni della libertà di religione o di credo pregiudicano la democrazia, ostacolano lo sviluppo e si ripercuotono negativamente sulla possibilità di godere di altre libertà e altri diritti fondamentali ed evidenziano che tale circostanza impone alla comunità internazionale, all’Unione europea e agli Stati membri di ribadire la propria determinazione e di rafforzare le proprie azioni nel promuovere la libertà di religione.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

13 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE