Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Seoul e Pyongyang
tornano a parlarsi

· Ripresi i contatti telefonici interrotti dal 2016 ·

È durato circa venti minuti il contatto telefonico tra Corea del Nord e Corea del Sud — il primo in quasi due anni — avvenuto oggi tramite un canale di comunicazione transfrontaliero, che è stato riattivato da Pyongyang alle 7.30 ora italiana. Fonti del ministero sudcoreano per l’unificazione hanno confermato la conversazione telefonica con un funzionario di Pyongyang. 

Un funzionario di Seoul durante la comunicazione con la controparte nordcoreana (Epa)

«Ritengo che sia un passo verso una situazione in cui la comunicazione sarà possibile in ogni momento», ha commentato il responsabile del servizio stampa della presidenza sudcoreana, Yoon Young-chan. Il nuovo, importante sviluppo distensivo al 38° parallelo è arrivato dopo l’offerta ieri di Seoul di colloqui ad alto livello con Pyongyang, il 9 gennaio prossimo, nel villaggio di confine di Panmunjom, per discutere della partecipazione degli atleti nordcoreani ai Giochi olimpici invernali, che si aprono in Corea del Sud il 9 febbraio. «Rispettando la volontà del nostro leader, manterremo un contatto stretto e sincero con il Sud», ha detto Ri Son-gwon, capo dell’agenzia incaricata di gestire gli affari inter-coreani a Pyongyang, citato dall’agenzia di stampa Yonhap. Nel discorso alla nazione per il nuovo anno, il leader del regime comunista, Kim Jong-un, per la prima volta in via ufficiale, ha infatti ventilato l’ipotesi della presenza degli atleti nordcoreani ai Giochi olimpici invernali in programma nella località sciistica sudcoreana di Pyeongchang, ad appena ottanta chilometri dalla linea smilitarizzata che separa le due Coree. Parlando ai nordcoreani, Kim ha espresso l’auspicio di riuscita delle Olimpiadi invernali, rilevando che Pyongyang e Seoul dovrebbero migliorare la collaborazione, facendo del 2018 «un anno importante» per entrambe le parti. Tuttavia, Ri non ha chiarito se la Corea del Nord accetterà l’incontro proposto per il 9 gennaio o se le conversazioni si limiteranno alla linea di contatto installata alla frontiera, che fino alla sua interruzione decisa dal 2016 dal regime di Pyongyang era l’unico canale di comunicazione tra i due paesi asiatici.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 gennaio 2018

NOTIZIE CORRELATE