Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Senza
lasciare traccia

· Migliaia di minori si perdono all’arrivo in Europa ·

Si contano ma non si trovano. Sono i minori migranti che non mancano quasi mai sui barconi della disperazione, ma che poi non lasciano traccia. Nel 2015 sono stati diecimila quelli scomparsi una volta arrivati in Europa.

Si tratta di un dramma che richiama alla sparizione, ogni anno nel mondo, di otto milioni di bambini. Per tutti, ha lanciato un forte appello il Papa, in occasione della Giornata internazionale dei bambini scomparsi, mercoledì scorso.

«È un dovere di tutti proteggere i bambini, soprattutto quelli esposti ad elevato rischio di sfruttamento, tratta e condotte devianti». Questo il richiamo di Papa Francesco, con l’auspicio che «le autorità civili e religiose possano scuotere e sensibilizzare le coscienze, per evitare l’indifferenza di fronte al disagio di bambini soli, sfruttati e allontanati dalle loro famiglie e dal loro contesto sociale». Con la preghiera «affinché ciascuno di essi sia restituito all’affetto dei propri cari».

In particolare, per quanto riguarda i minori stranieri in Europa, accade che perdano i familiari nel lungo tragitto che li porta dai loro Paesi di origine in altri Paesi, tra varie vicissitudini, prima di arrivare su un barcone. Ma più spesso si tratta di bambini e ragazzini ai quali i genitori vogliono assicurare un futuro diverso da quello che intravedono nella loro situazione di morte e violenza, anche senza poterli seguire. Ci sono costi alti da sostenere. Per ogni persona, chi mercanteggia con i viaggi della speranza pretende tra i 4000 e i 6000 dollari.

Vogliono vedere fuggire questi figli anche a costo di affidarli a scafisti senza scrupoli o lasciarli in balia delle acque imprevedibili del mare. Questi genitori, disperati al punto di fare quello che nessun genitore vorrebbe fare, cioè rinunciare a proteggere e accompagnare i propri figli, non immaginano gli abusi che avvengono sulla via. Certamente, non devono avere idea del traffico organizzato che, secondo la forza europea di polizia Europol, sta ad aspettare questi minori.

L’indegno e inaccettabile mercato, in cui troppo spesso finiscono, va dallo sfruttamento sessuale al lavoro minorile, senza escludere spaccio e piccola criminalità. Un «business organizzato» che, secondo i dati di Europol, frutta milioni e milioni di euro ogni anno.

Bisogna capire da quali maglie, di un sistema che dovrebbe assicurare assistenza, sfuggano questi piccoli e giovanissimi.

Il problema riguarda in particolare l’Italia, Paese di approdo. Ma non solo. Ernesto Caffo, fondatore e presidente di Telefono azzurro, non esita a parlare di «fallimento del sistema di integrazione per questa fascia di minori». Un fallimento che «incide in modo significativo sulla loro scomparsa».

Gli operatori del settore lamentano buchi neri nella burocrazia, che interviene nel coordinamento tra enti locali coinvolti e varie comunità di accoglienza, che si trovano sul territorio italiano a macchia di leopardo.

Ma c’è poi un altro piano sul quale riflettere. È il piano del coordinamento tra Paesi europei. Ci sono differenze normative tra Stati membri che giocano a sfavore di un impegno comune di contrasto al fenomeno. Un solo esempio: non c’è un'unica espressione per identificare il fenomeno criminale sui vari territori. Alcuni Stati considerano la tratta di minori una forma autonoma di sfruttamento, altri assimilano le vittime minorenni agli adulti. Questo, secondo Europol, rappresenta un primo ostacolo al lavoro coordinato di intelligence.

Infine, va ricordato che quando si parla di vittime di sfruttamento e di tratta, più in generale di più vulnerabili, con i bambini vanno citate sempre le donne, minori e non. Il copione, seppure in diversi contesti, è spesso simile. 

di Fausta Speranza

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE