Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Senza escludere nessuno

A braccia aperte, anzi spalancate per accogliere ogni migrante, Papa Francesco ha lanciato la campagna di Caritas internationalis «Share the Journey. Condividi il viaggio». E ha invitato la Chiesa a sentirsi davvero rappresentata dal colonnato che, in piazza San Pietro, simbolicamente abbraccia l’umanità intera, senza escludere nessuno. L’incontro con un gruppo di migranti, accompagnati dai volontari che li hanno accolti, è stato il momento culminate dell’udienza generale. Francesco ha salutato personalmente due profughi siriani, tre migranti ucraini e alcuni giovani africani scappati dalla violenza e dalla fame: tra loro anche due mamme con i bambini di pochi mesi. E un ragazzo nigeriano ha regalato al Papa una piccola scultura che ricorda la sua traversata del Mediterraneo.

Il Pontefice ha personalmente incoraggiato Bekele Moges e suor Norma Pimentel, rappresentanti di due Caritas di frontiera come quella etiope e del Rio Grande Valley, al confine tra Messico e Stati Uniti, e li ha ringraziati per il loro impegno controcorrente. Dando così voce a «un’iniziativa concreta che coinvolge tutte le Caritas del mondo per promuovere l’accoglienza dei migranti e dei rifugiati attraverso la condivisione delle loro esperienze». A spiegarlo è il cardinale Luis Antonio Tagle, presidente di Caritas internationalis: «È venuto il momento di ricordare non solo ai cristiani, ma a tutto il mondo, il mandato del Signore che ha sempre a cuore la gente più vulnerabile». Con una certezza: «Il Signore è presente negli stranieri». Proprio questo, afferma il cardinale, «è l’obiettivo più profondo della Caritas: obbedire al mandato del Signore che si esprime anche nelle parole di Papa Francesco quando parla di accogliere, di proteggere, di promuovere lo sviluppo integrale umanitario di ogni migrante e di integrare i migranti in una nuova comunità». L’approccio da seguire, secondo il cardinale Tagle, è appunto «umanizzare il fenomeno della migrazione, perché i migranti non sono statistiche e numeri, ma persone».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE