Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Sentinelle e baluardi

· ​Scavi scoperte e recuperi alla catacombe di San Callisto ·

Cubicolo di Orfeo, particolare inedito della volta (III secolo)

Il 17 giugno presso l’Istituto San Tarcisio a Roma la Pontificia commissione di archeologia sacra organizza un incontro su «le catacombe di san Callisto, il museo diffuso e il Cubicolo di Orfeo» durante il quale saranno presentati scavi, scoperte e recuperi e il Museo della Torretta. Nell'introduzione che anticipiamo il cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, sottolinea che tra le catacombe romane, quelle di San Callisto, che si sviluppano nel comprensorio che dalla chiesetta del Domine quo vadis? si distende sino al complesso di San Sebastiano, tra la via Appia e la via Ardeatina, rappresentano il sistema funerario paleocristiano più esteso, insieme alle catacombe di Priscilla sulla via Salaria e a quelle di Domitilla sulla via Ardeatina. In questi ultimi mesi, aggiunge il sovrintendente della Pontificia Commissione di archeologia sacra, è stato scavato e restaurato il cubicolo di Orfeo, nel cuore delle catacombe di San Callisto. Queste delicate operazioni hanno riservato scoperte di estremo interesse

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE