Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Seneca e la moneta unica

· Incontro con il presidente della Pontificia Academia Latinitatis ·

«Letteralmente significa «cinguettio». In latino potrebbe essere reso con pipio pipiare (dal passer di Catullo). Può andare bene perché è onomatopeico. Ma si può usare anche clangor o garritus e ci sarebbero anche altri termini». Già dalla traduzione del nome, quindi, tra Twitter e la lingua di Cicerone non c’è una relazione univoca. La questione è al centro di un dibattito il pomerriggio del 10 maggio al Salone del Libro di Torino nell'ambito degli appuntamenti previsti per la presenza della Santa Sede come ospite d'onore. 

Ne parlano Luciano Canfora, Valerio Massimo Manfredi e Ivano Dionigi, presidente della Pontificia Academia Latinitatis. Quest'ultimo ha anticipato in un'intervista le linee del suo intervento.

«Il punto è che ci sono almeno due considerazioni apparentemente contradditorie».

Cioè?

Il latino è alleato di Twitter, ma Twitter non gli basta. Il social network è adatto a questa lingua. Chiede di utilizzare 140 caratteri, che sono anche troppi per una lingua sintetica, non analitica, che grazie ai casi non conosce gli articoli e può fare a meno di preposizioni, pronomi, talvolta del verbo. Questa natura consente di esprimere il maximum del significato, la sua potenza direbbe Seneca, grazie al minimo del significante.

Marcello Filotei

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 novembre 2017

NOTIZIE CORRELATE