Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Più affamati nel mondo

· ​Guerre e cambiamenti climatici tra le cause ·

Dopo una costante diminuzione da oltre un decennio, la fame nel mondo è di nuovo in aumento. Lo afferma il nuovo rapporto annuale dell’Onu sulla sicurezza alimentare e nutrizione mondiale, precisando che lo scorso anno ha colpito 815 milioni di persone, l’11 per cento della popolazione mondiale. Tra le cause, ci sono innanzitutto le guerre e i cambiamenti climatici. Inoltre, molteplici forme di malnutrizione minacciano la salute di milioni di persone in tutto il mondo. L’aumento — 38 milioni di persone in più rispetto al 2015 — è dovuto in gran parte alla proliferazione di conflitti violenti ma anche alle conseguenze legate al clima come la siccità. Circa 155 milioni di bambini di età inferiore ai cinque anni — rileva The State of food security and nutrition in the world 2017 — sono sottosviluppati (troppo bassi per la loro età), mentre 52 milioni soffrono di deperimento cronico (il peso non è adeguato rispetto all’altezza). Queste tendenze sono una conseguenza non solo dei conflitti e del cambiamento climatico, ma anche dei grandi mutamenti nelle abitudini alimentari e dei rallentamenti economici. Il rapporto è la prima valutazione globale dell’Onu sulla sicurezza alimentare e sulla nutrizione rilasciata dopo l’adozione dell’Agenda per lo sviluppo sostenibile 2030, che mira a porre fine alla fame e a tutte le forme di malnutrizione entro il 2030 come priorità politica a livello internazionale. «Nel corso degli ultimi dieci anni i conflitti sono aumentati drasticamente e sono diventati più complessi e di difficile risoluzione», hanno dichiarato, nella prefazione comune al rapporto, i responsabili delle agenzie Onu che lo hanno redatto. «Questo è un campanello d’allarme che non possiamo permetterci di ignorare: non porremo fine alla fame e a tutte le forme di malnutrizione entro il 2030 se non affrontiamo tutti i fattori che minano la sicurezza alimentare e la nutrizione», hanno affermato gli esperti.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE