Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Semi di fraternità

· Il Pontefice in partenza per il viaggio in Bulgaria e in Macedonia del Nord ·

Preparativi per l’arrivo del Papa con alcuni operai su un’impalcatura di fronte alla cattedrale patriarcale di San Alexander Nevski a Sofia (Afp)

Ai piedi della Salus populi Romani per affidare alla Vergine la visita in Bulgaria e in Macedonia del Nord (dal 5 al 7 maggio). Nella mattina di sabato, Papa Francesco si è recato — com’è sua consuetudine prima dei viaggi internazionali — nella basilica di Santa Maria Maggiore. Nello stesso giorno, nell’immediata vigilia della sua partenza — dopo il videomessaggio inviato venerdì alla nazione bulgara — si è rivolto al popolo della Macedonia del Nord con un analogo saluto: «Oggi più che mai — ha detto — c’è bisogno di far crescere in Europa e nel mondo intero la cultura dell’incontro, la cultura della fraternità, e io verrò in mezzo a voi a seminare questi semi». Semi di pace e di fraternità per una visita contrassegnata dai temi dell’ecumenismo e del dialogo tra le religioni. «La peculiare bellezza del volto del vostro Paese — continua il Pontefice — si deve proprio alla varietà delle culture e delle appartenenze etniche e religiose che vi abitano. Certo, la convivenza non è sempre facile, lo sappiamo. Ma è una fatica che vale la pena di fare perché i mosaici più belli sono quelli più ricchi di colori».

E se per la tappa in Bulgaria — dove sarà il 5 e il 6 maggio — il Pontefice aveva richiamato la memoria e l’eredità spirituale di Giovanni xxiii, rivolgendosi alla gente della Macedonia del Nord, Francesco ha affidato la sua visita «all’intercessione di una grande santa, figlia della vostra terra: Madre Teresa». Il Papa ha quindi ricordato l’esempio di questa donna, «coraggiosa missionaria della carità nel mondo», nata e cresciuta proprio a Skopje, dove lui giungerà il 7 maggio.

L’arrivo del Pontefice all’aeroporto di Sofia è previsto nella prima mattina di domenica, per un viaggio che lo stesso Francesco si augura sia «fecondo di pace e di ogni bene».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

11 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE