Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Sei milioni di bambini morti per cause prevenibili

· L’appello di ActionAid per un’alleanza globale delle vaccinazioni ·

Garantire l’accesso universale ai vaccini può salvare milioni di vite. Nel 2015 quasi sei milioni di bambini sono morti prima di compiere cinque anni: circa 16.000 al giorno, oltre la metà a causa di malattie prevenibili anche grazie ai vaccini. I più sfortunati sono quelli che vivono nell’Africa subsahariana: la probabilità che questi bambini muoiano molto presto e per malattie curabili è infatti quattordici volte superiore rispetto ai loro coetanei dei Paesi più sviluppati. 

La vaccinazione  di un bambino afghano (Afp)

A lanciare un appello affinché si faccia di più per contrastare questa tendenza è stata ActionAid (organizzazione internazionale indipendente), ieri, nel corso della presentazione di un rapporto sullo stato degli aiuti per il progetto dell’Alleanza globale delle vaccinazioni. Gli esperti sottolineano che è necessario migliorare la definizione delle priorità del progetto nell’assegnazione delle risorse, realizzando attività più coerenti con le strategie concordate; rendere più efficace il monitoraggio; rafforzare i sistemi sanitari per sostenere e accompagnare in modo adeguato le attività di immunizzazione. Un punto cruciale è poi quello della cura della salute materno-infantile con un approccio di respiro più ampio, che coinvolga tutte le politiche per lo sviluppo. Prima ancora di un’assistenza qualificata e di un adeguato accesso a vaccini e farmaci essenziali, ai bambini devono infatti essere assicurati un’adeguata nutrizione e ambienti di vita sani e sicuri. Tra il 2000 — anno della nascita del progetto — e il 2013, è stata assicurata l’immunizzazione di 440 milioni di bambini nelle aree più svantaggiate del mondo, portando la copertura vaccinale dal 70 all’83 per cento nei Paesi in cui opera e salvando sette milioni di vite.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE